Edda

Stavolta come mi ammazzerai?

2014 (Niegazowana Records) | alt-rock, cantautorato

Non lasciatevi ingannare: Stefano Rampoldi non è per nulla cambiato! Anche se questo nuovo lavoro sceglie un medium sonoro più lineare e “rock”, quasi a volersi ricongiungere con il passato (leggi: Ritmo Tribale), il male di vivere è sempre la sua bandiera. Un male di vivere che si riversa nei testi, oggettivandosi in figure ormai cardine del suo universo poetico: droga, sesso, violenza, pedofilia, malattia e via discorrendo. Ma al centro di questa ennesima esplosione di rabbia e di cinismo c’è la famiglia (l’immagine di copertina, con tanto di piccolo Edda pensieroso, non è stata scelta a caso), luogo in cui tutti i sentimenti nascono e in cui tutti i sentimenti dovranno, prima o poi, ritornare.
E, dunque, innanzitutto chitarra, basso e batteria, per raccontarlo questo suo mondo, dedicando il primo verso al padre (“Tutte le volte che vedo mio padre/ esco di casa con la voglia di ammazzare”, recita nei primi secondi dell’iniziale “Pater”) e una valanga di odio per tutti. Anche per Dio.

“Stavolta come mi ammazzerai?” è un disco solido, una prova di maturità, probabilmente la chiusura di un cerchio che il compasso della sua anima ha iniziato a tracciare tanti anni fa. Ma è anche un lavoro infinitamente meno avventuroso dei suoi predecessori, un disco insomma in cui si riesce a camminare con più facilità, laddove il tagliente e disturbante “Odio i vivi”, che a tutt’oggi resta un oggetto misterioso, spesso e volentieri ci costringeva a inciampare, a sbattere la testa contro questo o quel verso, contro questo o quel suono. In ogni caso, pur lavorando con materiale più asciutto, evitando quindi di accentuare gli spigoli, Edda suona ancora "vero" e palpitante.

Ecco, dunque, che ruvide dissertazioni rock come “Coniglio rosa” e “Stellina” (“Tu sei solo pelle e fica/ anoressica/ ti prego mangia su di me/ mangia me”), il funk geometrico di “Bellissima”, le scansioni metalliche di “Piccole isole”, l’ironia cinica e rabbiosa di “Mademoiselle” e il punk “saturo” di “Ragazza meridionale” convivono con fumosi ibridi tra blues e jazz che mescolano lascivia e bisogno d’affetto (“Mela”), assurdismo in forma di ballata (“Yamamay”, “Ragazza porno”, “Peppa Pig”, quest’ultima con un arrangiamento di fiati che fa pensare ai These New Puritans di “Field Of Reeds"), e una “Saibene” che, tra pianoforte, chitarra e voce, suggerisce che la vita, in fin dei conti, altro non è che tutta una messinscena (“Chi dice la verità non può chiamarsi Rampoldi”).

(02/12/2014)

  • Tracklist
  1. Pater
  2. Coniglio rosa
  3. Tu e le rose
  4. Stellina
  5. Bellissima
  6. Dormi e vieni
  7. Puttana da 1 euro
  8. Piccole isole
  9. Mademoiselle
  10. Yamamay
  11. Mela
  12. Ragazza meridionale
  13. Ragazza porno
  14. Peppa pig
  15. HIV
  16. Mater
  17. Saibene

Edda e Marok su OndaRock
Recensioni

EDDA E MAROK

Noio; volevam suonar.

(2020 - Contempo)
Due monumenti della musica italiana creano undici inediti dai rispettivi lockdown

EDDA

Fru fru

(2019 - Woodworm)
Il ritorno del cantautore meneghino, nel segno di una travolgente reincarnazione artistica

EDDA

Graziosa Utopia

(2017 - Woodworm)
Il percorso artistico di Stefano Rampoldi va sempre più verso canzoni a tutto tondo

EDDA

Odio i vivi

(2012 - Niegazowana Records)
La storica voce dei Ritmo Tribale torna con il suo secondo lavoro solista, aumentando a dismisura la ..

EDDA

Semper Biot

(2009 - Niegazowana)
Il ritorno dopo tredici anni di Stefano "Edda" Rampoldi, già voce dei Ritmo Tribale

News
Edda on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.