Tomaga

Futura Grotesk

2014 (Hands In The Dark) | post-kraut, post-industrial

Al nome Tomaga risponde una costola dei londinesi Oscillation, creatura principale di Demian Castellanos intenta a dar vita ad autentici trip videosonori. Questo side-project nasce invece dalla volontà dei due scudieri del boss, Valentina Magaletti e Tom Relleen, di sviluppare per conto proprio la passione condivisa per la sperimentazione espressionista, declinata rispettivamente nel mai nascosto amore per il kraut-rock e in un radicato passato industrial.

Ecco dunque sviscerate le componenti dell'esperienza Tomaga, che dopo una cassetta di puro rumorismo sarcastico-esoterico (“Sleepy Jazz For Tired Cats”) arriva in questo primo “Future Groteska” a definire nel dettaglio il proprio range sonoro. Trattasi comunque di un'evoluzione sulla base di quanto già espresso in precedenza: dunque batteria tesa e nevrotica nella tradizione del miglior Liebezeit, e basso e chitarra squartati senza pietà.

Stiamo in una sorta di terra di mezzo fra il recente tentativo solista di Peder Mannerfelt, il calligrafico revival firmato Automat e il delizioso scrigno analogico-cameristico dei Driftmachine: richiami del primo sono palesi nella mitragliatrice glitch-esoterica di “Malintesi”, al secondo si associa il mantra austero e minimale di “Alphabet Of Night” e agli ultimi fanno eco il carillon malsano della title track e la palpitante chiusura di “Days Like They Were Before”.

Il risultato è convincente, per quanto all'insegna di un sound datato, negli episodi citati poco fa e nella cavalcata tagliente di “Mountain Opener”, ovvero laddove l'evoluzione si concretizza sul pratico. Decisamente meno interessanti sono invece la velleitaria apocalisse di “Taste The Indifference” e lo show per chitarra distorta di “Long Term Green”, possibili ripescaggi dalle primissime session che denotano la necessità di una completa maturazione sonora.

(16/01/2015)

  • Tracklist
  1. Alphabet Of Night
  2. Long Term Green
  3. Malintesi
  4. Futura Grotesk
  5. Taste The Indifference
  6. Mountain Opener
  7. Days Like They Were Before
Tomaga su OndaRock
Recensioni

TOMAGA

Intimate Immensity

(2021 - Hands In The Dark)
Il testamento spirituale e artistico di Tom Relleen affidato alle mani sapienti di Valentina Magaletti ..

News