Winterpills

Love Songs

2016 (Signature Sounds) | alt-folk-pop-rock

È più che altro per dovere di cronaca che va segnalata la nuova uscita dei Winterpills, la band del Massachussetts, giunta al sesto disco, a quattro anni dall’ultimo inedito e due dalla racccolta di cover “Echolalia”. Cattivi auspici o meno, questi anni di attesa hanno prodotto al massimo il tanto paventato “ritorno alle origini” – come spesso accade, soprattutto sulla carta.

Il più secco e malinconico folk-pop di Elliott Smith (“The Swimmers And The Drowned”), che riporta al recentemente ristampato esordio omonimo, e in generale un’atmosfera più raccolta (“Diary, Reconstructed”) o più “integra” dal punto di vista alternativo (anche nel power-pop di “Celia Johnson”) e meno solare che nel precedente non mantengono le promesse, a parte ripetere il già detto, i chiaroscuri, il sapore narrativo dei brani di Philip Price.

Potrà soddisfare in modo fugace i cultori del cantautorato americano alternativo anni 90, con le sue ballatone sghembe (“Wanderer White”), ma nella sostanza c’è soltanto una pallida ombra di quanto già fatto.

(25/03/2016)



  • Tracklist
  1. Incunabula
  2. Wanderer White
  3. Celia Johnson
  4. Freeze Your Light
  5. New England Deluge
  6. Swimmers And The Drowned
  7. He Grew A Wall
  8. Chapel
  9. Bringing Down The Body Count
  10. Diary, Reconstructed
  11. It Will All Come Back To You
Winterpills su OndaRock
Recensioni

WINTERPILLS

All My Lovely Goners

(2012 - Signature)
Un disco ricco di spunti e al tempo stesso altamente gradevole di folk-pop da camera

Winterpills on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.