Carly Rae Jepsen

Dedicated

2019 (Interscope) | synth-pop, dance-pop, synth-funk

Carly Rae Jepsen non avrà mai più una hit spaccaclassifiche del calibro di “Call Me Maybe”. Probabilmente non avrà mai più nemmeno un singolo in top ten, eppure sulla lunga distanza questo potrebbe risultare un beneficio, piuttosto che una condanna. Se i consensi accumulati con “E·MO·TION”, gioiello di luccicante energia pop, e lo zoccolo durissimo di nuovi fan ottenuti nel processo, stanno a indicare qualcosa, è che con la dovuta intelligenza e uno slancio creativo ripensato, anche carriere destinate a un oblio precoce possono mantenersi vitali e dotate di un loro seguito specifico. Quattro anni dopo il disco della ribalta critica, che ne ha riposizionato i parametri come autrice pop di culto, “Dedicated” mostra come l'exploit racimolato ai tempi non fosse un caso isolato, soltanto il brillante avvio di una seconda fase di carriera, slegata dalla ricerca del successo planetario e dedita invece a una maggiore libertà di esplorazione.
Posizionandosi sulla scia dello scintillante synth-pop revivalista introdotto col precedente lavoro, il nuovo ciclo di canzoni ne amplifica le potenzialità espressive, corredandosi di eleganti venature funk e frizzanti sfumature “esotiche”, su cui piroettare con delicato entusiasmo, alla luce di una consapevolezza che qui si tramuta in piena sicurezza.

Attenzione a parlare del nuovo ciclo come del seguito ideale del precedente disco: se è vero che le coordinate, come si è detto, tornano di nuovo a sondare il corpus del pop sintetico anni Ottanta, lo fanno però con una perizia e un pronunciato senso della nuance, che all'attitudine bombastica del passato sostituisce interpretazioni più sfumate, rispettose dei diversi cambi di umore e tono. Il singolo di lancio “Party For One”, sorta di pegno auto-imposto al piglio sbarazzino di inizio decennio, nei suoi crescendo enfatici e nei suoi spessi tratteggi di synth, rimane un caso decisamente isolato (la dice lunga che sia stata “confinata” come bonus track dell'edizione deluxe), un motivo massimalista a cui rispondono giusto la speranzosa solarità di “Now That I Found You” e l'energia sax-funk di “Real Love”, inebriata da un ritornello che è pura gloria.
Molto più indicativi del nuovo corso sono invece i tanti, notevoli, midtempo che costellano la raccolta, tutt'altro che votati in maniera esclusiva al dolce romanticismo marchio di fabbrica della autrice.

Fedeli principalmente all'impianto disco che la stessa Jepsen ha certificato essere stato ispirazione fondamentale nel processo creativo, le canzoni non soltanto vedono la songstress affilare le unghie al proprio stile all'ennesima potenza (lo stacchetto pieno di brio e soffusa amorevolezza di “Everything He Needs”, ricco di scintillanti rimandi anni Sessanta, la dance-pop vintagista di “Happy Not Knowing”), ma la mostrano desiderosa di osare, di spingersi oltre la sua comfort-zone, sfoderando una sensualità per lei del tutto inedita.
Non ci si attenda certo zannate da consumata femme fatale, ma già i giri synth-funk che circostanziano le sussurrate confessioni di “Julien” parlano di una padronanza nuova nell'approcciarsi a una maggiore fisicità espressiva, elemento che affiora con prepotenza anche nelle sincopi ritmiche di “Automatically In Love”, testimoni dell'influenza di Blood Orange. Se “No Drug Like Me” sventaglia quindi, con tanto di dovizia di filtri vocali, la melodia più pungente e dolorosa del lotto, altrove il gioco si fa ancora più ardito, paventando bizzarre articolazioni tra dancehall e latin-pop, su cui schiaffare un articolato motivo in levare (“I'll Be Your Girl”).

Anche se non possiede la stessa irruente vitalità della precedente raccolta (e del suo godibilissimo corollario), “Dedicated” è la nuova testimonianza di un talento pop in stato di grazia, capace di macinare canzoni su canzoni con la facilità di un'autrice consumata. Viene da augurarsi che anche a questo giro Carly Rae Jepsen ci offra una ricca appendice con cui godere di brani scartati dalla collezione ufficiale. L'appagamento sarà assicurato.

(21/05/2019)

  • Tracklist
  1. Julien
  2. No Drug Like Me
  3. Now That I Found You
  4. Want You In My Room
  5. Everything He Needs
  6. Happy Not Knowing
  7. I'll Be Your Girl
  8. Too Much
  9. The Sound
  10. Automatically In Love
  11. Feels Right (ft. Electric Guest)
  12. Right Words Wrong Time
  13. Real Love
  14. For Sure (deluxe edition bonus track)
  15. Party For One (deluxe edition bonus track)






Carly Rae Jepsen su OndaRock
Recensioni

CARLY RAE JEPSEN

E·MO·TION Side B

(2016 - 604 / School Boy / Interscope)
Una sostanziosa appendice di otto tracce per il terzo album della pop-writer canadese

CARLY RAE JEPSEN

E·MO·TION

(2015 - Interscope)
L'irresistibile crescita dell'autrice canadese, nella sorpresa pop dell'anno

Carly Rae Jepsen on web