Murubutu

Storie d'amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali

2022 (Glory Hole) | hip-hop

Sono piogge che lavano l'anima ma appesantiscono le vesti, temporali costanti che fanno da sfondo a vite distopiche, quelle che Murubutu ci narra con la solita maestosa voce da cumulonembo nel suo settimo lavoro in studio.
Forse ispirato anche dalla presente surreale situazione, Murubutu consegna un disco che vuole aiutarci a uscire da momenti complessi, lasciandoci però sulle spalle il peso delle riflessioni necessarie a farlo, bagaglio di conoscenza indispensabile e arricchente.
Il professore del rap si presenta così con un nuovo Zibaldone di storie che mai come in questo caso trasportano in mondi sconosciuti. Se infatti spesso i rap-conti dell'autore emiliano conducevano a tempi lontani in cui ascoltare e osservare in silenzio scorci di eventi e vite, questa volta Alessio Mariani tenta di accompagnarci anche verso dimensioni altre, scenari fantascientifici e contorti in cui, con la solita abilità, dà vita a personaggi dai sentimenti universali che racchiudono in se l’anima del mondo, presente, passato, futuro o alternativo che sia.

Dopo i cori apocalittici che aprono l'opera accompagnando il potente elogio della sua protagonista e musa ispiratrice, ci addentriamo quindi in una delle storie d'amore menzionate nel titolo.
La ricerca del "migliore dei mondi" è un peregrinare spazio-temporale senza sosta che inevitabilmente però ci riporta all'eternità del secolo con le sue passioni e delusioni. Un universo racchiuso negli occhi della persona amata e forse persa per sempre.
Si passa quindi al mondo "uraniano", oscuramente dipinto dalle precipitazioni corrosive di "Black Rain" che, con i ficcanti e incisivi featuring di Claver Gold e Rancore, si presenta come uno dei momenti più minacciosi e al contempo energizzanti del lotto. Non meno aggressive e buie sono la gemella meno brillante "Black Rain, pt. 2" e la potente e distruttiva "Diluvio universale", con i fondamentali contributi di En?gma e Dj Caster.

I viaggi spazio-temporali di Mariani proseguono anche in altri episodi come "Une Chrononaute à Paris" e "Multiverso", due pezzi che mostrano appieno la costante maturazione di Murubutu anche nel produrre pezzi di caratura pop che mantengano una forte credibilità.
Lo stesso non si può sempre dire, invece, dei brani che presentano la collaborazione di Dia. Se in passato infatti questi erano stati tra gli assi vincenti del professore, grazie all'efficace contrasto vocale dei due artisti, qui si dimostrano invece leggermente più deboli. Il ritornello del singolo "Temporale" risulta eccessivamente annacquato e la voce della cantante non impressiona nemmeno nel ruolo assegnatole in "Nuvole", sebbene i suoi arabeschi vocali tornino agli antichi fasti in "Pentagramma dell'acqua".
Molto più compiuti, invece, i pezzi in cui compare l'ammaliante voce di Dhany, vale a dire la sussurrata chiusura di "Ode alla pioggia - Outro" e l'intensa "Palazzo di gemme". Proprio queste due canzoni, insieme alla struggente "Markus ed Ewa", recuperano stilemi di scrittura melanconici più cari al nostro, che come al solito toccano nel profondo e non deludono.

Murubutu si conferma quindi come uno degli autori italiani più costanti e interessanti dei nostri giorni, e lo schema del concept-album del rapper è ormai collaudato. La sua forza sta ancora una volta nel saper essere con i suoi testi tanto catartico quanto pungente ma forse, giunti a questo punto della sua storia, ci si aspetterebbe da lui anche un maggiore coraggio nell'approcciare soluzioni nuove, sia a livello di beat che di flow.
Le basi contraddistinte dall'efficace utilizzo di archi in "Legio XII fulminata" e "Palazzo di gemme", due dei pezzi di spicco del disco, e le virate simil-reggae di "Nuvole" fanno presagire una voglia di ricerca anche a livello strumentale che fa ben sperare per ulteriori sviluppi su questo fronte.
Da citare sul lato sperimentale anche l'approccio del rapping iniziale su "Markus ed Ewa" che, richiamando il ticchettio delle gocce di pioggia, conferisce un'atmosfera unica al brano.

"Storie d'amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali" è l'ennesima preziosa raccolta di gocce di vita di Murubutu e, lasciando per ora da parte le speculazioni sul futuro artistico di un autore da cui lecitamente ci si aspetta sempre lavori eccelsi, ci lasciamo per l'ennesima volta inondare dalla sua rinvigorente e rinfrescante pioggia di parole.

(17/01/2022)

  • Tracklist
  1. Ode alla pioggia (intro) ft Dj Caster
  2. Il migliore dei mondi
  3. Black Rain ft Claver Gold e Rancore
  4. Nuvole ft Dia e Lion D
  5. Markus ed Ewa
  6. Une chrononaute à Paris
  7. Temporale ft Dia
  8. Black Rain pt.2 ft Mattak, Inoki e Dj Fastcut
  9. Legio XII fulminata
  10. Pioggia infinita ft Moder
  11. Multiverso
  12. Diluvio universale ft Dj Caster e En?gma
  13. Pentagramma dell'acqua ft Dia
  14. Palazzo di gemme ft Dhany
  15. Ode alla pioggia (outro)






Claver Gold & Murubutu su OndaRock
Recensioni

CLAVER GOLD & MURUBUTU

Infernvm

(2020 - Glory Hole)
I due esponenti della scena hip-hop impegnata e letteraria si cimentano nella rivisitazione dell'Inferno ..

MURUBUTU

Tenebra Ŕ la notte ed altri racconti di buio e crepuscoli

(2019 - Mandibola / Glory Hole)
Il Professore del Rap torna con un nuovo concept dedicato alla notte

Murubutu on web