Opeth

Damnation

2003 (Music For Nation) | prog-rock

Ecco ciò che sapevo degli Opeth: gruppo dedito al thrash-death-gothic-metal (insomma, quello con ritmiche durissime e voce da uomo lupo) che, sotto l'egida di Steven Wilson dei Porcupine Tree ha fatto un disco di prog. Procedo all'acquisto e all'ascolto.

Del passato terroristico della band nessuna traccia, anzi nessunissima traccia, tanto che forse la prima critica da fare è la mancanza di impatto. Gli Opeth sono stati poi più realisti del Re e non è possibile non notare nelle otto tracce un approccio compositivo vicino al produttore leader dei Porcupine Tree: stesso incedere compassato dei pezzi, stesso impianto melodico ben definito ai limiti (e oltre) del pop, stesse aperture tastieristiche, qui affidate ad un onnipresente mellotron suonato dallo stesso Wilson, stessi giri chitarristici che conducono il pezzo per poi aprirsi in parti solistiche sempre ben bilanciate, stessa incapacità di andare oltre un cliché e soprattutto stessa incapacità cronica di manifestare tensione emotiva e creativa.

Intendiamoci, il talento non manca, i pezzi sono tutti ben costruiti, assolutamente piacevoli, alcuni molto piacevoli, discretamente cantati. Però questa musica è un po’ come acqua su pietra, non lascia il segno, manca di forza emotiva, di dramma, di tensione, di colore e di eclettismo anche solo tecnico, e i pezzi alla fine risultano tutti un po’ monocordi.

Disco tutt'altro che disprezzabile, piacerà molto ai fan del Porcospino (per me è comunque meglio di "In Absentia"), gli altri lo ascolteranno con più sufficienza. Ma davvero prima erano così cattivi?

(29/10/2006)

  • Tracklist

1 Windowpane
2 In My Time of Need
3 Death Whispered a Lullaby
4 Closure
5 Hope Leaves
6 To Rid the Disease
7 Ending Credits
8 Weakness

Opeth su OndaRock
Recensioni

OPETH

In Cauda Venenum

(2019 - Park Studios)
Il tredicesimo album della band svedese continua senza ripensamenti la strada progressive

OPETH

Sorceress

(2016 - Nuclear Blast)
L'atteso ritorno della band svedese, tra nostalgie prog e nuove ambizioni

OPETH

Pale Communion

(2014 - Roadrunner)
La definitiva metamorfosi progressive di Mikael Åkerfeldt e compagni

OPETH

Heritage

(2011 - Roadrunner)
Un album di puro e semplice progressive rock per la maturazione della band svedese ..

Opeth on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.