Prince

Musicology

2004 (Columbia) | funk

Come capita a ogni nuova uscita di Prince, e ancora di più da quando ha ricominciato a utilizzare il più glorioso dei suoi nomi di battaglia, avrete già avuto modo di leggere numerose recensioni, specie sulla carta stampata, in cui si parla di resurrezione del genietto di Minneapolis. È accaduto a ogni nuova uscita del signor Roger Nelson a partire dalla "morte" del suo nome d'arte (1993, l'album che la celebrava era "Come"), tranne che con l'indifendibile "New Power Soul". Come andava a finire, poi? E soprattutto, qual era la verità, ogni volta? La verità era sempre che Prince (o il simbolo, o The Artist, o TAFKAP) aveva prodotto un altro buon disco, niente di memorabile, godibile ma non certo trascendentale o sconvolgente.

Dopo un paio d'anni, gli stessi che avevano cantato la resurrezione del Principe, ne parlavano di nuovo come un artista musicalmente finito e portavano come esempio l'album da loro incensato solo qualche stagione prima. Accadrà lo stesso con questo "Musicology"? Beh, per ora abbiamo avuto le recensioni entusiastiche... E un singolo niente male, quella title track che ha tutta l'aria di un manifesto programmatico. Gioioso omaggio alla musica in generale, ma più in particolare al rhythm 'n' blues marca James Brown, la canzone "Musicology" non è solo il brano migliore del disco, ma un'ulteriore prova dell'abilità di Prince nel ricreare e metabolizzare ogni stilema della musica nera. Musica e testi presentano molti dei topos princeiani. In conclusione al brano, quasi a sottolineare la continuità con il proprio passato (o solo per ricordare agli ascoltatori chi è il signor Prince), si possono sentire brevi campionamenti di sue canzoni degli anni 80. Se vi siete divertiti nel tentare di riconoscerle, OndaRock vi offre la soluzione del giochino a fine recensione!

Il brano "Musicology", dicevamo, riflette bene ciò che il disco a cui dà il titolo vuole essere dal punto di vista strettamente musicale. Intrattenimento di discreto livello, un altro album di musica "alla Prince". Molta classe e poca voglia di essere ancora avanguardia. Il risultato varia così dal piacevole (in maggioranza) al tediosetto (non molto), senza picchi né passi falsi. Dalle parti del piacevole c'è la seconda traccia, "Illusion, Coma, Pimp & Circumstance", già pronta a entrare nelle nostre simpatie per il gioco di parole nel titolo. Intelligentemente, il pezzo più vicino alle nuove tendenze Prince lo piazza dietro a quello più revivalista. Il groove granitico e un efficace minimalismo ne sono i punti di forza. Non male neppure "A Million Days", che riporta alle orecchie le atmosfere chitarristiche di "Chaos And Disorder", e "Cinnamon Girl", ancora una volta con le chitarre in primo piano.

Senza infamia e senza lode le altre composizioni, che comunque si lasciano ascoltare e cercano di solleticare un certo effetto-nostalgia. La ricerca dei legami con il passato, forse un po' troppo ostentati, sta anche nella "O" di "Life 'O' The Party", così simile a quella della grafia corrente (ma non è l'originale!) di "Sign O' The Times". Il pezzo, come altri in questo lavoro, è uno di quelli che Prince scrive con il pilota automatico da più di dieci anni. Un funk essenziale da festa al Paisley Park, ideale canovaccio per lunghe digressioni dal vivo. Anche "Call My Name" è un'altra canzone da pilota automatico.

Più ambiziose sono le liriche, che trattano argomenti politici e di attualità come Prince non faceva più da tempo. Anche le canzoni che parlano d'amore lo fanno in un modo che si potrebbe definire più maturo. Gli esempi sono numerosi. "The Marrying Kind", apertamente dalla parte delle donne, si apre con una voce femminile che recita in italiano e racconta una storia amara e a suo modo drammatica. Nell'ironica "On The Couch", contrariamente a quanto si potrebbe pensare dal titolo, Prince non parla di seduzione da divano ma di una supplica alla sua dolce metà perché non lo faccia dormire tutto solo sul divano in questione. "Dear Mr. Man" è il Prince più politico dai tempi di "Ronnie, Talk To Russia". Un atto di accusa contro Bush, che però non nomina mai, e che può essere adatto a molti potenti del pianeta. "Cinnamon Girl" parla della guerra in Iraq da una prospettiva affatto banale.

Tirando le somme, per chi ha tutto di Prince "Musicology" può essere un disco gradevole, ma il neofita farebbe meglio a indirizzarsi verso la produzione degli anni 80. Come se non lo avesse immaginato già...

Soluzione del giochino: si sentono, nell'ordine, "If I Was Your Girlfriend", "17 Days", "Kiss", "Sign O' The Times" e "Little Red Corvette".

(12/12/2006)

  • Tracklist
  1. Musicology
  2. Illusion, Coma, Pimp & Circumstance
  3. A Million Days
  4. Life 'O' The Party
  5. Call My Name
  6. Cinnamon Girl
  7. What Do U Want Me 2 Do?
  8. The Marrying Kind
  9. If Eye Was The Man In Ur Life
  10. On The Couch
  11. Dear Mr. Man
  12. Reflection
Prince su OndaRock
Recensioni

PRINCE

Originals

(2019 - NPG/Warner Bros)
Una raccolta di versioni originali dei successi scritti per altri artisti fotografa lo stato di grazia ..

PRINCE

Piano & a Microphone 1983

(2018 - NPG/Warner Bros)
Una vecchia registrazione privata offre una fugace ma cristallina visione del genio artistico del folletto ..

PRINCE

HITnRUN Phase One

(2015 - NPG Records)
Non più il segno dei tempi, il principe di Minneapolis prova a corrergli dietro

PRINCE & 3RDEYEGIRL

Plectrumelectrum

(2014 - Warner Bros)
Rogers Nelson in gita premio con tre nuove donzelle

PRINCE

Art Official Age

(2014 - Warner Bros)
L'autunno di Prince, tra soul, r'n'b e spezie varie

PRINCE

20Ten

(2010 - NPG Records)
Un'anacronistica operazione nostalgia per il genietto di Minneapolis

PRINCE

Planet Earth

(2007 - Universal)
Ancora una delusione in studio dall'instancabile folletto di Minneapolis

PRINCE

3121

(2006 - Motown)

PRINCE AND THE REVOLUTION

Parade

(1986 - Paisley Park / Warner Bros)
L'apoteosi del principino di Minneapolis, fra hit mirabolanti e momenti di classe cristallina

News
Speciali



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.