Elizabeth Anka Vajagic

Stand With The Stillness Of The Day

2004 (Constellation/Wide) | gothic-folk/blues

Articolo gentilmente concesso da MusicbOOm che ne detiene il copyright

Arriva dal Canada l'ultima acquisita al filone blues sepolcrale: Elizabeth Anka Vajagic, di Montreal ma croata d'origine, vocione profondo e una forte predilezione per le ore notturne, confeziona un disco a metà strada tra il rock-blues urbano di Polly Jean Harvey e quello necrofilo di Nina Nastasia. Solo sette pezzi, di durata medio-lunga, in equilibrio fra la tradizione e le disarmonie di marca Constellation: tra i musicisti accompagnatori, segnalati soltanto dalle iniziali nello scarno booklet, si nascondono infatti illustri personaggi come Efrim Menuck dei GY!BE e Beckie Foon dei Silver Mt. Zion, intenti ad aggiungere dissonanze e stridori in misura minima e liofilizzata alle funeree melodie di chitarra, violoncello e piano che nutrono i pezzi.

Sono tuttavia le parole, e il modo in cui vengono consegnate, a cementare suoni di tale diversa provenienza e addensare le emozioni di un disco a forte rilascio emotivo: la voce della Vajagic è capace di riannodare i suoni sparsi e distanti di "Around Here" come di sostenere la nera litania d'archi e i lenti arpeggi di "With Hopes Lost"; altrove si riposa al fuoco della tradizione come una PJ Harvey persa nei boschi ("Why", "Sleep With Dried Up Tears") e infine sostanzia la linearità della bella "And The Sky Lay Still", che rilascia suggestivi echi Paisley su uno strato di dissonanze, aggrappata alle sue strofe in attesa di un refrain che non arriva.

Spazi vuoti e note sofferte: non ne avessimo sentite così tante in questi ultimi anni potremmo persino entusiasmarci, ma il lavoro di Elizabeth, per quanto pregevole, frequenta con eccessiva assiduità il terreno delle due artiste sopra citate e di nomi più noti come Cat Power, Songs:Ohia, l'obbligatorio Nick Cave, tanto che l'unico vero elemento di sorpresa è l'etichetta, di solito dedita a sonorità affatto diverse. Non si può negare però l'evidenza di un disco solido e ben costruito, di ipnotica grazia, intenso ma non sino al punto di gelo: con la sua voce che vibra e consola Miss Vajagic è certamente più fuoco che ghiaccio, e sa regalare emozioni che purtroppo mal si adattano alla stagione incombente: se proprio volete stabilizzare il vostro umore verso il basso e siete avvezzi a simili suoni, sappiate che con la giusta assiduità arriverete certamente ad amarlo.

(14/11/2006)

  • Tracklist
  1. With Hopes Lost
  2. Around Here
  3. Where You Wonder
  4. Iceland
  5. Why
  6. And The Sky Lay Still
  7. Sleep With Dried Up Tears
Elizabeth Anka Vajagic su OndaRock
Elizabeth Anka Vajagic on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.