Barbara Morgenstern & Robert Lippok

Tesri

2005 (Monika Enterprise) | elettronica, pop

Robert Lippok, membro dei To Rococo Rot, e Barbara Morgenstern, cantautrice e musicista tedesca con all'attivo già tre dischi, concretizzano in questo album una collaborazione che aveva già fruttato un Ep nel 2002.

Nasce così "Tesri", album composto di 12 brani che offrono un aspetto dell'elettronica volto sì al minimalismo, ma in funzione di un pop futurista e apolide. I brani non sono molto complessi e l'ascolto è sempre guidato da melodie semplici, da sovrapposizioni di suoni, ottenuti da synth, chitarre e piano, delicati e ben definiti, accompagnati da percussioni e scelte ritmiche mai esasperate anche quando queste aumentano in vivacità e intensità. Il brano di apertura, "Please Wake Me For Meals", è strumentale e introduce degnamente l'album in questi territori musicali asettici ma non freddi, che accarezzano l'ascoltatore all'interno di un mondo che sembra lindo e ovattato. Nel secondo brano, "Kaitusburi", i due si avvalgono della collaborazione di Mieko Shimizo alla voce, che dona sicuramente un tocco ancora più cosmopolita alla musica disegnata con precisione dal duo. La giapponese compare anche in "Otuskimi", un breve e grazioso intermezzo.

Spesso è il piano a fare da portante melodico, come in uno dei brani più orecchiabili "Sommer", che ricorda certe partiture pop di Sakamoto. L'altra collaborazione alla voce è di Damon Aaron dei Telefon Tel Aviv, che dona calore e sofferenza al fluire di break e suoni sinusoidali di "If The Day Remains Unspoken For". "Geisterjäger" invece è un pezzo dove la chitarra elettrica filtrata dallo wah-wah crea il motivo principale, e va a fondersi con effetti simili di synth in maniera efficace. Come al solito i brani procedono per addizioni, stratificazioni, e sottrazioni di elementi semplici, di campionamenti e suoni cristallini e puliti, procedimento che è esemplare nella conclusiva "Winter", dove i rintocchi essenziali del pianoforte e della chitarra giocano a riempire gli spazi creati da loop ed effetti di tastiera dolci e minimali.

In definitiva, un buon disco, che sicuramente non brilla per originalità, ma che sembra capace di poter accarezzare l'udito degli amanti del genere.

(17/03/2006)

  • Tracklist
  1. Please Wake Me For Meals
  2. Kaitusbury
  3. Ginza
  4. White Wise Rabbit
  5. Sommer
  6. Ein Knoten Aus Schwarz
  7. Gammelpop
  8. Otuskimi
  9. If The Day Remains Unspoken For
  10. Geinsterjager
  11. Ein Mädchen Namens Stalin
  12. Winter
Barbara Morgenstern & Robert Lippok on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.