Art Brut

It's A Bit Complicated

2007 (Mute/ EMI) | brit-pop, punk-rock

Strano paradosso, oggigiorno, quello di un gruppo che migliora al suo secondo lavoro, abituati come siamo a grandi esordi immancabilmente seguiti da album non all’altezza dei predecessori; qualitativamente parlando, s’intende, perché commercialmente l’esordio degli Art Brut, sospinto anche dall’hype creatogli intorno dal web, è stato più che soddisfacente.
“Bang Bang Rock ‘n’ Roll”, però, con il suo punk-rock piuttosto banale, unito ai testi ironici e all’atteggiamento scanzonato, non riusciva a distinguersi da quel calderone di gruppi che ormai ogni anno fioriscono come funghi.
"It’s a Bit Complicated” cambia invece rotta. Non un cambiamento radicale, sia chiaro, ma quanto basta per rendere migliore l’offerta degli Art Brut; eliminando molto del suono punk che così tanto contribuiva a rendere troppo pesante e monocorde il primo disco, il sound del gruppo risulta finalmente fresco e riesce a mettere in risalto nel giusto modo il canto declamato, quasi parlato, del cantante, rendendolo l’elemento veramente caratterizzante del gruppo inglese.

Così Argos è libero di trasformarsi in un vero cantastorie punk-pop con le sue liriche divertenti e ironiche, che narrano di rapporti annoiati in cui il protagonista viene distratto da una canzone (“I know I shouldn’t/ is it so wrong/ to break from your kiss/ to turn up a pop song” - “Pump Up The Volume”), di gelosie ossessive ma esilaranti (“You’re asleep, I wish I was too/ But I can’t because I’ve got something to prove/ I tried to wake you with a really loud cough” – “Jealous Guy”), dei lati noiosi dell’amore (“People in love, lie around and get fat/ I didn’t want us to end up like that” – “People In Love”) o di serate domenicali tribolate (“Am I feeling unwell/ for what I’ve done, or drunk” – “Late Sunday Evening”).

Anche i fan del primo disco, però, vengono accontentati: non mancano, infatti, pezzi trascinanti e scatenati, in primis “Direct Hit”, che già dal titolo dice tutto e che possiede sia un riff micidiale sia un ritornello da cantare, ma anche il punk-rock scanzonato di “Blame It On The Trains” e quello trascinante di “Nag Nag Nag Nag”, perfetto pezzo che ha fatto da singolo apripista per l’album, o “Post Soothing Out”, a suo agio tra melodioso pop e voluminose schitarrate rockeggianti.

Certo, non tutte le ciambelle riescono col buco: sia “I Will Survive” che “Sound Of Summer” risultano pesanti e noiose, e l’accento cockney di Argos può apparire quasi fastidioso, ciò non toglie però che “It’s a Bit Complicated" sia un album piacevole. Niente di eccezionale, ma divertente, ricco di testi simpatici e di musiche che non si prestano a (troppo) facili stilemi.
Gli Art Brut non aspirano a speciali traguardi, sono solo degli amabili cazzoni che si divertono a raccontare storielle, stavolta con meno furberie finto-intellettuali, un atteggiamento più onesto e anche con un po’ di qualità in più. E questo è già un buon passo in avanti.

(02/08/2007)

  • Tracklist
  1. Pump Up The Volume
  2. Direct Hit
  3. St Pauli
  4. People In Love
  5. Late Sunday Evening
  6. I Will Survive
  7. Post Soothing Out
  8. Blame It On The Trains
  9. Sound Of Summer
  10. Nag Nag Nag Nag
  11. Jealous Guy
Art Brut su OndaRock
Recensioni

ART BRUT

Wham! Bang! Pow! Let's Rock Out!

(2018 - Alcopop)
La rinascita berlinese di Eddie Argos e compagni

ART BRUT

Brilliant! Tragic!

(2011 - Cooking Vinyl)
Il quarto album della formazione art-punk britannica segna una svolta decisa verso la forma canzone

ART BRUT

Art Brut Vs. Satan

(2009 - Cooking Vinyl)
Il nuovo album del gruppo londinese, prodotto da Frank Black

ART BRUT

Bang Bang Rock'n'Roll

(2005 - Fierce Panda)
Il nuovo fenomeno britannico rispolvera un piglio punk-rock

News
Art Brut on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.