Fursaxa

Alone In The Dark Wood

2007 (Eclipse) | free-folk

Se sperate in un nuovo "Lepidoptera", siete fuori strada, ma non troppo. "Alone In The Dark Wood" è, infatti, un disco che solo a tratti conserva la magia quasi insostenibile del capolavoro, che non ferisce più di tanto, non scava nell'animo così come dovrebbe, non ci spinge al dolore o all'estasi così come ci meritiamo. Eppure, è ancora un'opera affascinante, un'opera che potrebbe essere davvero indicata per quanti non hanno ancora avuto il privilegio di imbattersi nella musica della musicista americana. Un buon punto da cui incominciare, insomma.

Ci sono, infatti, tutte le caratteristiche che rendono il suo free-folk un vero e proprio "cerimoniale tragico e, al contempo, liberatorio, magico e salvifico", come già ebbi a scrivere altrove su queste pagine. E' una musica, quindi, che necessita di abbandono, che chiede dedizione. La esigono le voci distese e gli echi raga di "Lunaria Enters The Blue Lodge", le campane lontane di "Bells Of Capistrano" o il carillon Colleen-iano di "Birds Inspire Epic Bards"; o, ancora, i rituali insistiti di "Drinking Wine In Yarrow", "Sheds Her Skin" o di "Rattling The Calabash". Poi, ti accorgi che è quasi impossibile non essere religiosamente tesi all'ascolto, anche perchè Tara Burke (questo il suo vero nome) conosce bene il senso arcano di questa musica, il suo substrato lacerato da tensioni mistiche.

Prendiamo i paesaggi a perdita d'occhio di "Black Haw", le liturgie sospese che si macchiano di mistero (la title track), le rarefazioni dilatate di "Clè Elum", le polifonie vocali di "Nawne Ye": non sono forse simboli di una religiosità universalistica, bozzoli di trascendenza intrapresa e dolcemente sostenuta? Musica che con poco riesce a toccarci e ancora a farci stupire di cotanto mistero ("In The Hollow Mink Shoal"). Un mistero che, mentre ci strazia, ci indica anche la strada della redenzione ("Of Tubal Cain").
Sempre, la musica, dovrebbe farsi carico di questo compito...

(18/03/2007)

  • Tracklist

1. Intro
2. Lunaria Enters The Blue Lodge
3. The Bells Of Capistrano
4. Drinking Wine In Yarrow
5. Black Haw
6. Clè Elum
7. Alone In THe Dark Wood
8. Nawne Ye
9. Sheds Her Skin
10. In The Hollow Mink Shoal
11. Rattling The Calabash
12. Birds Inspire Epic Bards
13. Of Tubal Cain

Fursaxa su OndaRock
Recensioni

FURSAXA

Immured

(2016 - Sloow Tapes)
Dopo sei anni di pausa, ritorna la sacerdotessa del free-folk

FURSAXA

Mycorrhizae Realm

(2010 - ATP Recordings)
Una sequenza di spettrali elegie nel ritorno di Tara Burke

FURSAXA

Kobold Moon

(2008 - Sylph)
Lo spettrale soliloquio dell'anima di Tara Burke

FURSAXA

Lepidoptera

(2005 - ATP Recordings)

Fursaxa on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.