Young Gods

Super Ready/ Fragmenté

2007 (Ipecac) | industrial

Gli svizzeri Young Gods ebbero negli anni Ottanta un'illuminazione rilevante: registrare album campionando tutte le parti di chitarra elettrica. Solo per questo vanno considerati fra i gruppi più importanti per capire lo sviluppo della musica industriale negli ultimi venti anni.
Veniamo al loro ritorno sulle scene attraverso "Super Ready/Fragmenté". Il disco è stato pubblicato dalla Ipecac di Mike Patton ed è composto dalla formazione che vede Franz Treichler alla voce, Al Comet ai campionamenti, Bernard Trontin dietro le percussioni con Roli Mosimann (ex Swans) in veste di produttore.

"I'm The Drug" ci catapulta in mezzo a un drumming serrato, tenuto in piedi da riff artefatti in pieno stile Young Gods. Il dosaggio della compressione negli effetti elettronici è ormai da manuale, sebbene il canto di Teichler si faccia meno roco del solito. La sensazione resta quella di un complesso che rimette in circolo carte già svelate, e "Freeze" non si smentisce, seguendo le orme conosciute nei classici del passato.
Alla luce dei minuti iniziali, gli esercizi techno di "Cest Quoi Cest Ca" osano un po' di più senza superare però l'impalcatura di una narrrazione standard. Gli Young Gods sono maestri nel distribuire racconti maniacali tremendamente espressionisti ma in questo caso non ottengono frutti duraturi. E' anche comprensibile, perché la band ci ha già lasciato la sua impronta ed è doveroso accontentarsi della voglia sincera di rimettersi in discussione. Confondendo il timbro di un inusuale sitar con il vocoder, "Stay With Us" spiazza però le aspettative consolidate fin qui.

L'attimo cruciale e catalizzatore dell'intera opera va identificato nei nove minuti della title tracktrip lisergico regolato in chiave industrial. Pur essendoci connessioni di vecchia data, l'identità dello sballo difende una buona capacità di suggestione. Sospinta dalla versatilità canora di Treichler, "Secret" si riallaccia ai fasti trascorsi, non associando tuttavia fattori particolarmente ragguardevoli.

Tirando le somme, in "Super Ready/Fragmenté" i cedimenti sono proporzionali a un mestiere riconfermato.
Un disco nella norma per un nome sopra la media delle uscite contemporanee.

(08/11/2007)

  • Tracklist
  1. I'm the Drug
  2. Freeze
  3. C'est quoi c'est ça
  4. El Magnifico
  5. Stay With Us
  6. About Time
  7. Machine arrière
  8. The Color Code
  9. Super Ready / Fragmenté
  10. Secret
  11. Everythere
  12. Un point c'est tout
Young Gods su OndaRock
Recensioni

YOUNG GODS

Everybody Knows

(2010 - Two Gentlemen)
Il ritorno di una delle più longeve compagini industrial

Young Gods on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.