La Casa Azul

La Revolucion Sexual

2008 (Elefant) | euro-pop-disco

Il progetto degli spagnoli La Casa Azul - cinque musicisti attivi da oltre sette anni che con l’ultimo album tentano la conquista dell’Europa - si sviluppa sulle linee della bubblegum music con evidenti richiami all’euro-pop, senza rinunciare a toni lounge o alla lezione del pop nipponico dei Pizzicato Five.
“La Revolucion Sexual” pur se forte di alcuni brani accattivanti. mostra in verità molti limiti, specie la costante impossibilità di colmare in modo decente gli spazi vuoti tra gli hit single, nonostante la tradizione pop in Spagna abbia un punto fermo nella label Siesta Records o nelle affascinanti colonne sonore del cinema erotico spagnolo.

L’album dei La Casa Azul provoca sorrisi ma anche una prevedibile noia negli episodi più ibridi. Punto di forza è la title track, piacevole euro-disco con tocchi lounge, mentre tra i brani restanti si segnalano “No Mas Myolastan“, buon esempio di bubblegum music, e ”Chicos Malos”, che sembra un inedito degli ABBA. Su tutte svetta “Esta Noche Solo Cantan Para Mi”, pop-disco trascinante anche nelle sue citazioni kitsch di musica per cartoni animati e rock-Aor.

Troppi episodi deboli e pasticciati, però, rendono l’insieme inconsistente. Alcuni brani sono malriusciti e irritanti, come “Prefiero No” e "Una Cosa O Dos”, altri sono confusi e alternano spunti gradevoli a melodie banalissime, come ad esempio “Mis Nostalgicas Manias”, che però offre un gradevole groove.
Solo la conclusiva” Un Mundo Mejor” centra di nuovo il bersaglio, pur senza convincere del tutto.

Un disco che potrà catturare qualchei fan del pop più spensierato, ma che nel complesso si rivela deludente.

(01/09/2008)

  • Tracklist
  1. La Nueva Yma Sumac
  2. La Revolucion Sexual
  3. Prefiero No
  4. El Momento Mas Feliz
  5. Mis Nostalgicas Manias
  6. No Mas Myolastan
  7. La Gran Mentira
  8. Chicos Malos
  9. Una Cosa O Dos
  10. Mucho Mas De Lo Normal
  11. Esta Noche Solo Cantan Para Mi
  12. Triple Salto Mortal
  13. Un Mundo Mejor
La Casa Azul on web