Raz Ohara

Raz Ohara And The Odd Orchestra

2008 (Get Physical) | songwriter

Personaggio dalla doppia vita, questo Raz Ohara. Di giorno raffinato songwriter chitarra e voce (il suo esordio, "The Last Legend", targato 2001); di notte affermato vocalist della scena elettronica berlinese (è recente la sua collaborazione con Apparat). Il frutto delle due anime si chiama "Raz Ohara And The Odd Orchestra", un nugolo di canzoni fra intimismo e oscurità.

Chitarra acustica, sottolineature orchestrali, intrusioni di elettronica: questi gli elementi miscelati dal danese; eppure i risultati sono disparati. Tra una ciondolante litania folk ("Happy Song"), un solare e delizioso affresco soul ("One"), una distorta ispirazione buckleyana ("Set on You"), si intrufolano momenti di tutt'altra provenienza. La soffocante "Counting Days" e il singolo "Kisses" usano le tastiere in modo disturbante, per inspessire l'atmosfera; mentre temi più rarefatti disegnano "Where He At", che ricorda i Mùm, e l'intenso strumentale "Love for Mrs. Rhodes".
In comune al grosso dei brani è l'imprinting, grazie a un sincero senso d'angoscia, neanche poi tanto latente, che pervade le composizioni di Ohara.

La scrittura è di qualità, il rivestimento sonoro anche: a non giovare è piuttosto il troppo carico d'introversione che appesantisce la struttura, priva di un adeguato numero di valvole di sfogo (emblematica "The Case"). Comunque, un buon lavoro, che non mancherà di trovare meritati estimatori.

(15/01/2008)

  • Tracklist
  1. Happy Song
  2. Kisses
  3. One
  4. Fragment
  5. Agony
  6. The Case
  7. Where He At
  8. Counting Days
  9. Wondering
  10. Love for Mrs. Rhodes
  11. Set on You
Raz Ohara on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.