Emma Tricca

Minor White

2009 (Bird) | songwriter, alt-folk

Un disco d'esordio che suona come un antico gioiello folk custodito nel tempo. Una sorta di "Diamond Day" in sedicesima (che dato il valore incommnsurabile di quell'opera è sempre un bel complimento). Questa la prima impressione che si ha ascoltando le dieci canzoni contenute su "Minor White", l'esordio della folksinger italiana residente a Londra Emma Tricca. Suggestioni in qualche modo suggerite anche dal marchio che si è occupato della pubblicazione dell'album, la Bird, appartenente all'orbita della famigerata Finders Keepers di Andy Votel.

Invece Emma ha registrato le sue canzoni in appena tre giorni nel corso del 2009 all'interno dello studio londinese di Sean Read (il tastierista di Beth Orton). Chitarra acustica e voce, ma non solo.
Gli arrangiamenti svelano piccoli segreti, ascolto dopo ascolto. Ad arricchirire la tavola dei colori ci sono il violino di Sharon Forbes, il banjo di Helen Keen, gli strumenti e le voci di Carwyn Ellis e Luca Guernieri. Naturalmente la sei corde della Tricca e la sua voce sono sempre in primo piano nel mixer. Un modo di cantare, il suo, che si adatta a diversi stili andando di volta in volta a visitare illustri modelli non solo del folk, ma anche del blues e del jazz.

"All Along The Hudson", in apertura di disco, è tra le più belle canzoni in scaletta e anche una tra quelle più care alla stessa autrice: un organo scalda l'atmosfera malinconica mentre la voce si arrampica in vibrati degni delle grandi voci del blues. Sulla seguente "Blind Time" Emma sembra voler omaggiare Joni Mitchell, con un elegante ballata folk-jazz arricchita da un pianoforte che fa da contrappunto. La calorosità ammaliante del miglior folk appare in tutta la sua semplicità su "Cobblestone Street", nella quale si capisce quanto Emma Tricca abbia imparato bene gli insegnamenti dei maestri della scuola inglese, ad iniziare da quelli dell'amico John Renbourn.

(04/12/2010)

  • Tracklist
  1. All Along The Hudson
  2. Blind Time
  3. Cobblestone Street
  4. Middletown
  5. Paris Rain
  6. Monday Morning Yawning
  7. Long Letter
  8. Weatherman
  9. It Doesn't Matter
  10. Lost In New York
Emma Tricca su OndaRock
Recensioni

EMMA TRICCA

St Peter

(2018 - Dell'orso)
Il coraggioso sodalizio folk-noise nel nuovo album della cantautrice italiana, in compagnia di membri ..

EMMA TRICCA, JASON MCNIFF

Souhern Star

(2016 - Dell'Orso)
Un mini-album che mette insieme due delle migliori risorse del folk contemporaneo

EMMA TRICCA

Relic

(2014 - Finders keepers)
L'ascesa di Emma Tricca da rivelazione ad autentica primattrice della scena folk

Emma Tricca on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.