Kevin Drumm

Imperial Horizon

2009 (Hospital Productions) | ambient, drone

In chiusura di recensione del precedente “Imperial Distortion”, si parlava di “un'esperienza sfiancante, ma capace di restituire grandi emozioni”.
A distanza di un anno circa, Kevin Drumm torna sul luogo del delitto, radicalizzando, comunque, l’idea di fondo del suddetto disco. In “Imperial Horizon”, infatti, l’ambient-drone intossicata di distanze e profondità abissali viene investigata nell’ambito di un’unica traccia, di scarsi 65 minuti! Ancora un’esperienza sfiancante, insomma, in cui le emozioni non mancano. Tuttavia, l’operazione esaspera soltanto in termini di minutaggio le già “pericolose” intuizioni della “distorsione imperiale”, invero sfiancando più che emozionando, proprio perché Kevin gioca sul baratro, indifeso, non del tutto capace di offrire qualcosa che possa veramente spingere il livello dell’operazione verso i lidi ipnotizzati di quel disco, che è da considerarsi come la sua cosa migliore in assoluto.

Accostata al materiale di “Selected Ambient Works 2” di Aphex Twin, la traccia unica qui presente, intitolata “Just Lay Down And Forget It” (quasi un’indicazione su come gustare al meglio l’opera), sembra l’evoluzione della coda di “More Blood And Guts”, “dormiveglia-limite” che viene portato alle estreme conseguenze, senza che questo peregrinare no-limits rappresenti necessariamente un miglioramento in termini di poesia-sonora.

Nei primi venti minuti, la musica vibra come una lamina di metallo abbandonata nel vento, sposando l’idea di un miasma post-atomico in cui le memorie si accavallano senza sosta, in un diluvio "controllato" di immagini sfocate. Poi, le fluttuazioni tendono a farsi più rarefatte, mentre si affaccia una lieve, indistinta mareggiata melodica. Le profondità, intanto, guadagnano in consistenza – grazie a una maggiore concentrazione sui toni bassi - prima che, intorno ai quaranta minuti, il suono si diradi quasi del tutto, bisbigliano nel vuoto con fare spaurito, nonostante un senso di serenità ne attraversi ogni palpito. Ad ogni modo, l’oceanico serpente si spegne tra modulazioni droniche più minacciose, quasi a chiudere un cerchio eterno.

Un ascolto consigliato, in ogni caso. Ma “Imperial Distortion” è un’altra cosa.

(06/11/2009)

  • Tracklist
1. Just Lay Down and Forget It
Kevin Drumm su OndaRock
Recensioni

KEVIN DRUMM

Interference

(2016 - Autoprodotto)
Ennesima emanazione da parte del versatile artista statunitense

KEVIN DRUMM

Everything's Going Along As Usual And Then All Shit Breaks Loose

(2015 - autoprodotto)
L'harsh-noise del musicista americano

KEVIN DRUMM

Tannenbaum

(2013 - Hospital Productions)
Oltre due ore e mezza di ambient-music maligna nel nuovo disco del musicista americano

KEVIN DRUMM

Relief

(2012 - Editions Mego)
Il musicista americano in un caos di distorsioni, frequenze disturbate e riverberi metallici

KEVIN DRUMM

Ghybbrish

(2011 - autoprodotto)
Un doppio Cd-r autoprodotto per l'artista americano, tra terrorismo rumorista e lungaggini insopportabili ..

KEVIN DRUMM

The Obstacles of Romantic Exaggeration

(2010 - Karl Schmidt Verlag)
Sperimentazioni concrete e rumore bianco per il musicista dell'Illinois

KEVIN DRUMM

Imperial Distortion

(2008 - Hospital Productions)
La nuova incarnazione drone-ambient del musicista americano

Kevin Drumm on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.