Alastair Galbraith

Mass

2010 (Siltbreeze) | songwriter, lo-fi

Torna a far sentire la sua voce uno dei musicisti più appartati e misteriosi della scena neozelandese. E, poco importa, se i suoi lavori, spesso e volentieri, come nel caso di questo “Mass” (che segna il ritorno del musicista di Dunedin in casa Siltbreeze), risultino frammentari e qualitativamente altalenanti: Alastair Galbraith è un musicista che fa piacere ritrovare per immergersi nella dimensione più intima e "straziata" del cantautorato.

Così come per il precedente “Orb”, Galbraith ci conduce verso sentieri esistenziali talmente privati da metterci quasi in imbarazzo. Dai nastri in reverse di “Concentrate” alle percussioni smarrite di “Prime Numbers”, passando per la ballata esangue di “Trees” (che smista ombre psichedeliche) o per il cupissimo drone di “Richard Pearse Flying Down”, “Mass” svela la sua natura di poema chiaroscurale che tenta, per l’ennesima volta, di raccontare l’avventura di un uomo, facendosi carico sia delle sue paure che delle sue (poche) speranze.

Dopo il “Kyrie Eleison” (che rende ancora più manifesta la tensione religiosa dell’opera), sono le cornamuse di “Stolen And Broken” a lanciare brividi di illusione oltre la pesante cappa di rassegnazione che percorre tutta l’opera. Ma si tratta di un attimo, di un brandello di esaltazione già completamente smarrito nella dolente “Money Is So Sad”. I sibili psichici di “Like The Bitter Rind Of A Cucumber”, il Daniel Higgs rigurgitato di “Kakistocracy”, le campane solitarie di “Ship’s Bells Otago Museum”, gli accordi di chitarra sonnambuli e stralunati di “Ford K” e quelli sconfinati di “Drawing Space Underwater” sono tutte testimonianze ruvidissime di un’esistenza travagliata ma “vera”.

(25/07/2010)

  • Tracklist
1. Concentrate
2. Mongolian Rhapsody
3. Trees
4. Richard Pearse Flying Down
The Opihi River In 1903
5. Poem For Moondog
6. Trees Of Albert Park
7. Prime Numbers
8. Bridge Of Burning Bubblegum
9. Tin Town
10. Kyrie Eleison
11. Stolen And Broken
12. Money Is So Sad
13. Like The Bitter Rind Of A Cucumber
14. Bird In A Glass Forest
15. Kakistocracy
16. Ship’s Bells Otago Museum
17. Ford K
18. Happy Summer
19. Newborn
20. Drawing Space Underwater
21. Mansfield Story
22. Local Sleep Temple
Alastair Galbraith su OndaRock
Recensioni

ALASTAIR GALBRAITH

Orb

(2008 - Nextbestway Us)
Le stanze più intime del cantautore neozelandese

Alastair Galbraith on web