High On Fire

De Vermis Mysteriis

2012 (Entertainment One) | sludge'n'stoner metal

Prosegue l'assalto all'arma bianca della band guidata da Matt Pike, già chitarrista degli Sleep.
Come da tradizione High On Fire, anche "De Vermis Mysteriis" è disco che non fa prigionieri, sprigionando dall'inizio alla fine una carica bestiale, in un tornado di sludge, stoner e hard'n'heavy di matrice classica cui la produzione di Kurt Ballou conferisce una decisiva dose di magmatica oscurità.

"Serums Of Liao" è già in piena, fangosissima esplosione Motorhead, pestando monolitica e densissima, tirando nella mischia schegge allucinogene e assoli panoramici. Si prosegue con il groove maschio di "Bloody Knuckles", che accentua le trame thrash, il martellamento insistito del singolo "Fertile Green", con una voce che sembra sempre più rievocare il fantasma, rozzissimo e incazzato, di Lemmy.

Disco suonatissimo, selvaggio e, a modo suo epico (l'epos che solo la rabbia più feroce riesce a rivelare), "De Vermis Mysteriis" (titolo che rimanda direttamente al mondo fantastico dello scrittore Robert Bloch) non è fautore - almeno non in dosi eccessive - di una violenza fine a se stessa, perché gli strumenti non suonano soltanto uno contro l'altro, ma riescono anche e soprattutto a creare muraglie sonore tanto velenose quanto atmosferiche.
Del resto la band, nelle sue prime prove (si ripeschi per esempio "The Art Of Self Defense") già mostrava un'accentuata carica visionaria, un gusto per impalcature profondamente evocative seppure scolpite nella pietra viva della distruzione.

Ecco dunque che brani quali "Madness Of An Architect" e "King Of Days" vanno proprio a ritroso nel tempo, ricercando quelle pulsioni titaniche anche sulla scorta di tinteggiature bluesy, mentre lo strumentale "Samsara" taglia in due l'opera regalando boccate d'ossigeno. Poi è ancora, ma con sempre meno sorprese, stoner-head ("Spiritual Rites"), tormento cupo e caliginoso (la title track) e mosaici biblico-lovecraftiani ("Warhorn").
Un ritorno niente male!

(20/04/2012)

  • Tracklist
  1. Serums Of Liao
  2. Bloody Knuckles
  3. Fertile Green
  4. Madness Of An Architect
  5. Samsara
  6. Spiritual Rites
  7. King Of Days
  8. De Vermis Mysteriis
  9. Romulus And Remus
  10. Warhorn
High On Fire su OndaRock
Recensioni

HIGH ON FIRE

Electric Messiah

(2018 - eOne)
Una conferma selvaggia per Matt Pike, celebrata anche con un Grammy

HIGH ON FIRE

Luminiferous

(2015 - E1)
Il trio più roccioso d'America alla settima prova su disco

HIGH ON FIRE

Death Is This Communion

(2007 - Relapse)
Nuovi travolgenti episodi stoner-metal dalla band di Matt Pike

High On Fire on web