Nile

At The Gate Of Sethu

2012 (Nuclear Blast) | brutal death-metal

Le cose avevano preso una piega non proprio esaltante già con l'ultimo "Those Whom The Gods Detest", ma è con questo "At The Gate Of Sethu" che i Nile incappano in uno scivolone davvero maldestro. La formazione artefice del magistrale "In Their Darkened Shrines" (una delle vette del death moderno) ritrova Jon Vesano in qualità di vocalist aggiunto in alcuni brani, ma smarrisce quella capacità di far fluttuare il brutal death-metal in un vortice tanto epico quanto strutturalmente impeccabile.

Così, anche se la band mostra come sempre una tecnica e un affiatamento impeccabili, il disco scivola via senza colpo ferire, passando attraverso accelerazioni e rallentamenti repentini, momenti incredibilmente prossimi a una sorta di metal-core appena imbestialito ("The Fiends Who Come To Steal The Magick Of The Deceased"), dinamiche febbrili che fanno il paio con parti solistiche senz'anima ("The Inevitable Degradation Of Flesh") e assalti noiosissimi ("Natural Liberation Of Fear Through The Ritual Deception Of Death").

È un sound svuotato e sterile, che non ferisce più come un tempo e che, mentre mostra i muscoli in superficie, nasconde uno spirito infiacchito, di certo non aiutato da una produzione veramente piatta (si ascolti "The Gods Who Light Up The Sky At The Gate Of Sethu"...), che non riesce a esaltare nemmeno le parti più pulite, come ad esempio quelle di "Supreme Humanism Of Megalomania". Le influenze egizie tornano a far bella mostra di sé nell'intro strumentale (sbaglio o c'è qualcosa dei Lykathea Aflame?) di "When My Wrath Is Done" (un altro brano in cui il mestiere non manca, ma bisogna accontentarsi solo di quello) e nelle trasfigurazioni atmosferiche, sostanzialmente innocue, di "Slaves of Xul" e di "Ethno-Musicological Cannibalisms".
Quando, poi, la band cerca di recuperare un po' di solennità ("The Chaining Of The Iniquitous"), ti accorgi che il disco è praticamente finito e, quindi, non puoi far altro che rassegnarti.

(04/07/2012)

  • Tracklist
  1. Enduring The Eternal Molestation Of Flame
  2. The Fiends Who Come To Steal The Magick Of The Deceased
  3. The Inevitable Degradation Of Flesh
  4. When My Wrath Is Done
  5. Slaves Of Xul
  6. The Gods Who Light Up The Sky At The Gate Of Sethu
  7. Natural Liberation Of Fear Through The Ritual Deception Of Death
  8. Ethno-Musicological Cannibalisms
  9. Tribunal Of The Dead
  10. Supreme Humanism Of Megalomania
  11. The Chaining Of The Iniquitous
Nile su OndaRock
Recensioni

NILE

Those Whom The Gods Detest

(2009 - Nuclear Blast)
Ritorno sottotono per gli alfieri del brutal death-metal

NILE

Ithyphallic

(2007 - Nuclear Blast)
L'atteso ritorno dei deathster del faraone

NILE

Annihilation Of The Wicked

(2005 - Relapse Records)

News
Nile on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.