Taras Bul'ba

Amur

2012 (Wallace) | post-rock

I Taras Bulba, trio milanese strumentale già detentore di opere come “Nodo” e “Secret Chimiques”, ritornano sulle scene con “Amur”. La band è, a suo modo, il corrispettivo dei Calla, almeno per quanto riguarda l’alchimia di atmosfere improbabili, l’umore scuro costruito per panneggi non-musicali, l’improvvisazione controllata, lo scarso uso della voce, i campioni stranianti.

Il corpo di “Amur” è però formato da pièce interlocutorie che sembrano dare più interesse a stilemi che a una vera emotività: in “Coup De Grace”, la prima, il passo flamenco si fa largo tra una generale sfrontatezza armonica, ma non ha corpo su cui reggersi; “Ogro” punta ai climi esotici; “My Name Is Igor” non amalgama l’attacco Captain Beefheart, lo svolgimento noise-rock e l’epilogo di death-metal muto.
Spettacolare è il contrasto tra basso scartavetrato, batteria acrobatica e chitarra in trance di “Short Drop”, ma il trio semplicemente ripete la formula dei dischi precedenti, dalla dinamica sfumata forte-piano della title track, a rebus dalle componenti poco centrate di “Psicofonia”, volgendola a ginnastica.
La più lunga è “Ior”, una marca demoniaca in cui l’elettronica finalmente si mischia all’andamento percussivo (mentre nel resto del disco rimane giustapposta casualmente), a due passi dai Fugazi “industriali” di “Red Medicine”, un dub extraterrestre modellato di continuo fino a spegnersi in un’oasi dark-industrial.

Dalla consolidata formula post-hardcore/elettronica (mai così forte l’apporto del sampling), piatto forte di Fabio Magistrali - di nuovo in cabina di regia - i tre puntano sulla spettacolarità e il virtuoso fraseggio, non sulla poesia scarlatta e la minuzia da psicolabili. Solido materiale reso con ridondanza, ma il troppo insistere, le ripetizioni a vuoto sono difficili da perdonare.

(08/10/2012)

  • Tracklist
  1. Coup De Grace
  2. Ogro
  3. Short Drop
  4. Amur
  5. Psicofonia
  6. My Name Is Igor
  7. Vertebra
  8. Ior
Taras Bul'ba su OndaRock
Recensioni

TARAS BUL'BA

Taras Bul'ba

(2003 - Taras Bul'ba)

Taras Bul'ba on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.