The Wilderness Of Manitoba

Island Of Echoes

2012 (Pheromone) | alt-folk

Dopo il successo straordinario, probabilmente andato ben oltre ogni aspettativa (con un tour durato praticamente due anni), dello scorso “When You Left The Fire”, verace quadretto di folk canadese, fortemente ispirato nel suo essere “paesaggistico”, con arrangiamenti scarni ma di un dinamismo che dava quel che di grandioso alle canzoni dell’album, i Wilderness Of Manitoba si rifanno sentire con questo “Island Of Echoes”, che vede il rimpiazzo della componente femminile.
Non si può certo dire che il gruppo tenti chissà che voli pindarici, ma una certa volontà evolutiva si osserva; non si sa se verso qualcosa di più completo e ambizioso, o se verso qualcosa di semplicemente più adatto alla sopravvivenza nel mercato musicale.

Dopo l’intro ambientale di “Balloon Lamp”, i riverberi e le armonizzazioni di “Morning Sun” mostrano un gospel pubblicitario che si poteva temere, ma non in queste proporzioni. Skip immediato, per rimanere ancora basiti di fronte a “Echoes”, di gran lunga il pezzo più pop della band; praticamente preso di peso, catturato nel mondo rosa e viola di “Rumours”.
Insomma un bel grattacapo, questo “Island Of Echoes”: in un tentativo generale di variare maggiormente non solo nelle soluzioni, ma soprattutto nelle atmosfere (subito dopo si torna al folk-pop più caratteristico della bella “The First Snowfall”, quella specie di Fleet Foxes più impressionisti, con finale jazz-rock), si alternano appunto scelte di banalizzazione (come anche nel folk-rock psichedelico di “The Aral Sea/Southern Winds”, o nella preghiera di “Golden Thyme”) e più interessanti escursioni in mondi altri ma vicini (ancora Fleetwood Mac, ibridati però coi Sea & Cake, in “A Year In Its Passing”).

Il lavoro sulle canzoni è sicuramente aumentato grandemente, tanto che anche nel breve motivo di banjo dei Beach Boys di “Glory Days” compare un arrangiamento per fiati, facendo perdere al gruppo anche quell’aria raccolta, ma pronta a espandersi di fronte al richiamo della natura, degli spazi, e non coi mezzi di una migliore produzione o di chissà quali orchestrazioni (come sa bene anche chi ha avuto la fortuna di assistere a un loro concerto).
È così che anche un bell’esperimento “post-folk” come “The Island Of The Day Before” – la “Native Tongue” di “Island Of Echoes” – perde un po’ del suo potenziale, nonostante l’imprevista mutazione in musical natalizio del finale.
Insomma c’è molto da ricalibrare nel gruppo, nonostante il famoso “disco di transizione” fosse ampiamente preventivabile.

(24/09/2012)

  • Tracklist
  1. Balloon Lamp
  2. Morning Sun
  3. Echoes
  4. The First Snowfall
  5. The Aral Sea/Southern Winds
  6. Chasing Horses
  7. White Woods
  8. Golden Thyme
  9. A Year In Its Passing
  10. Glory Days
  11. The Island Of The Day Before
  12. The Escape
  13. Northern Drives


The Wilderness Of Manitoba su OndaRock
Recensioni

THE WILDERNESS OF MANITOBA

When You Left The Fire

(2010 - Killbeat / VeritŔ)
Un'immersione catartica nelle terre selvagge del Canada per questa nuova sensazione folk

The Wilderness Of Manitoba on web