Deer Tick

Negativity

2013 (Arts & Crafts) | pub-country

Il breakup album era forse un ammennicolo che mancava alla carriera rutilante e allegramente sgangherata dei Deer Tick, dal verace spirito rurale, senz’altro più dei contemporanei, furbi arraffa-premi e contratti pubblicitari. Senz’altro uno dei radi meriti della band era ed è la capacità di lasciarsi andare, andando oltre gli intellettualismi e i vezzi (a volte fin troppo oltre).

Qui si eccede, però, in senso opposto alla caciara sdentata di “Divine Providence”: languide e pigre ballate di country da osteria (“In Our Time”, “The Rock”), larvali repliche Dylan-iane (“Big House”), esiziali tentativi hard (“Pot Of Gold”), in un’ennesima prova di resistenza per l’ascoltatore, impegnato a entrare in una qualche sintonia col greve raspare della voce di John McCauley.

Un disco da evitare.

(06/10/2013)

  • Tracklist
  1. The Rock
  2. The Curtain
  3. Just Friends
  4. The Dream’s In The Ditch
  5. Mirror Walls
  6. Mr. Sticks
  7. Trash
  8. Thyme
  9. In Our Time
  10. Hey Doll
  11. Pot Of Gold
  12. Big House
Deer Tick su OndaRock
Recensioni

DEER TICK

Divine Providence

(2011 - Partisan)
Il ritorno sboccato di rock'n roll radiofonico della band americana

DEER TICK

The Black Dirt Sessions

(2010 - Partisan)
Un verace bignami di Americana "professionistica" per la band di Providence

News
Deer Tick on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.