God Is An Astronaut

Origins

2013 (Rocket Girl / Goodfellas) | post-rock

Il cosiddetto post-rock vive ormai da anni una fase di stanca dopo gli exploit di Mogwai ed Explosions In The Sky che tanto bene hanno fatto alla musica, creando però tanti cloni, anche in Italia, che non riescono ad andare oltre lo stanco tema caratterizzato da momento melodico lento ed esplosione fragorosa.

Chi invece ha imparato bene la lezione, perfezionando un proprio stile sono gli irlandesi God Is An Astronaut che, non a caso, si sono creati un importante seguito che affolla sempre i loro epici set, specialmente in Italia, dove la loro proposta ha sempre ottenuto ottimi riscontri.
Ecco quindi che l'annuncio di un loro nuovo disco, e ovvio seguente tour, ha il sapore di un autentico evento, rafforzato dalla novità che la band ora ha allargato la propria line-up a cinque elementi con, inoltre, l'importante supporto anche di Pat O'Donnell dei Fountainhead. Questi, infatti, offre il suo aiuto in sede di composizione, oltre che alle chitarre, alle tastiere e, in alcuni episodi, anche alla voce, con la sua ugola che, trattata con effetti vari, diviene essa stessa ulteriore strumento. E ancora, tra gli ospiti, figurano Donal McGuiness al trombone e Kevin Foran alla tromba, che rendono ancor più corposo il sound.

La ricerca melodica rimane sempre di gusto e di nottuna dolcezza, con le chitarre che giocano tra armonie e pulsioni “soniche” su tappeti di piano, synth ed elettronica in punta di piedi.
“Origins”, il cui titolo può far pensare a una raccolta delle loro prime composizioni, è invece proprio l'ultimo e settimo album del gruppo: dodici canzoni intense come una suggestiva aurora boreale, che lasciano immaginare lo spettacolo live ancor più coinvolgente con giochi di luci, video e altri elementi multimediali che, come lo stesso quintetto lascia intuire, dovrebbe lasciare estasiati.

In attesa del prossimo caleidoscopico show, intanto, si alimenta l'immaginazione con questo buonissimo ritorno.

(21/09/2013)

  • Tracklist
  1. The Last March
  2. Calistoga
  3. Reverse World
  4. Transmissions
  5. Weightless
  6. Exit Dream
  7. Signal Rays
  8. Autumn Song
  9. Spiral Code
  10. Strange Steps
  11. Red Moon Lagoon
  12. Light Years From Home
God Is An Astronaut su OndaRock
Recensioni

GOD IS AN ASTRONAUT

Epitaph

(2018 - Napalm Records)
Tra sinfonismo e metal, dalla band post-rock irlandese una conferma di livello ma con soluzioni poco ..

God Is An Astronaut on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.