King Creosote

That Might Well Be It Darling

2013 (Domino) | folk-rock

Non comprendo del tutto l’indifferenza per Kenny Anderson (aka King Creosote), onorato dalla critica e dai forum solo per il suo magistrale incontro con Jon Hopkins in “Diamond Mine” e poi abbandonato al suo destino di outsider.
“That Might Well Be It, Darling”, pubblicato per il Record Store Day dell’aprile 2013, è una raccolta di 3 Ep, ma nonostante tutto è uno dei miei ascolti più ossessivi e rinfrancanti, per undici tracce caratterizzate da un susseguirsi di umori malinconici e mordaci che riescono a riassumere al meglio la lunga carriera discografica dello scozzese.

Superato il fuzzy rock-garage dell’iniziale “Little Man”, l’album predilige un folk acustico costruito sui stati di chitarre e percussioni dove si aprono spazi armonici per tastiere e synth.
La polka trasformata in pop futurista in “Doubles Underneath”, le stramberie del folk elettrico di “On The Night Of The Bonfire” sono inusuali fonti di piacere, il rockabilly di “Single Cheep” è più stimolante di un album dei Mumford & Sons: sono tutti episodi che evidenziano una scrittura ancora fresca e ingenuamente matura.

La malinconia che agita da sempre la musica di King Creosote raggiunge poi il suo apice nella superba “Ankle Shackles”, più di undici minuti di respiro sonoro e vocale con chitarre, piano e violino che sembrano provenire da una dimensione atemporale e priva di connotazione fisica, una straziante progressione di umori e sensazioni che, fatemelo dire, archiviano il brano come uno dei vertici assoluti dell’anno in corso.
Brani come “The Right Form” e “I Am Cellist“ hanno lo stesso input poetico di “Diamond Mine”, nonostante una più corposa messa in opera, mentre il fragore silenzioso di “February 29th” accentua la catarsi prima della danza liberatoria di “Going Gone (Gummi Bako)”.

(14/11/2013)

  • Tracklist
  1. Little Man
  2. Single Cheep
  3. Doubles Underneath
  4. Near Star, Pole Star
  5. Ankle Shackles
  6. The Right Form
  7. What Exactly Have You Done?
  8. On The Night Of The Bonfire
  9. I Am Cellist
  10. February 29th
  11. Going Gone (Gummi Bako)
King Creosote su OndaRock
Recensioni

KING CREOSOTE

Astronaut Meets Appleman

(2016 - Domino Records)

Dopo la banana dei Velvet Undeground è ora della mela di King Creosote?

KING CREOSOTE

From Scotland With Love

(2014 - Domino)
La musica di King Creosote fa da cornice a un documentario sulla Scozia dell'ultimo secolo

News
King Creosote on web