Leslie Winer & CM von Hausswolff

(1)

2015 (Monotype) | spoken word, drone

Carl Michael von Hausswolff e Leslie Winer sono due mostri sacri che nessuno probabilmente ha mai sentito nominare. CM von Hausswolff è un personaggio attivo nell'avanguardia svedese ed europea da più di trent'anni, autore di una mole notevole di esibizioni, composizioni e visual (tra cui da ricordare "Three Overpopulated Cities", il pregiato "The Wonderful World Of Male Intuition" e il più recente "800.000 Seconds In Harar"), Leslie Winer invece ha un curriculum singolare quanto oscuro, che annovera inizi da top-model, incursioni nella letteratura beat e post-moderna e una pietra miliare dimenticata di trip-hop ante-litteram quale "Witch".
I due si sono incontrati nel 2011 per intercessione della Tapeworm, con l'intenzione di collaborare su un progetto comune. Così Winer, che ritorna attivamente alla musica dopo uno iato di tre lustri, ha inviato a von Hausswolff alcune nuove incisioni su cui il collega ha steso il suo lavoro di accompagnamento elettroacustico.

Forse giustamente, quindi, "(1)" è dominato dalla presenza algida ma ficcante della Winer, che riemerge nella sua veste più appropriata, quella di consumata salmista spoken word che ha affinato e radicalizzato ulteriormente il suo stile in un recitato vibrante e severo, a volte appena sussurrato, spesso inquietante, e che torna a scandagliare negli irrisolti nodi dell'American way, della propaganda di stato e del post-umanesimo. "I'll Be Mother", preannunciata lo scorso anno, è il centro dell'opera, tanto per le toccanti liriche quanto per il connubio perfetto con il teso fluire elettronico inscenato da von Hausswolff.
"This Discreet Organ" è un orgoglioso numero burroughsiano, mentre con "Can I Take Your Order" e "Weatherman" il focus sembra traspostarsi sui droni, che procedono sempre più alienati e incostanti mentre i vocals di Winer si astraggono in una bassa fedeltà sospesa nel vuoto. "Talk To Some Of Them", in chiusura, riprende il tema di "I'll Be Mother", in chiave diversa, mentre il commento elettronico arriva dal cortometraggio "Electra" di von Hausswolff con Nordanstad.

Ad essere pignoli "(1)" ha l'unico difetto di essere troppo breve per la portata e il potenziale del progetto, limite che tuttavia si spiega nella natura della collaborazione (che infatti non era stata pensata in principio come un disco fisico), ma anche nell'attitudine notoriamente ambigua e incompromissoria dei due soggetti. Resta intatto però l'entusiasmo per un incontro prezioso, in grado di far fremere le coscenze come pochi altri artisti sanno fare, e che segna il definitivo ritorno in pista di un personaggio (oc)culto ancora tutto da riscoprire come quello di Winer.
The show must go on, apparently. The show must go on, and on, and on.

(22/09/2015)

  • Tracklist
  1. I'll Be Mother
  2. This Discreet Organ
  3. Can I Take Your Order
  4. Weatherman
  5. Talk To Some Of Them
Leslie Winer su OndaRock
Leslie Winer & CM von Hausswolff on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.