Gavin Bryars

The Fifth Century

2016 (Ecm) | avantgarde, chamber music

Gavin Bryars, uno degli alfieri del minimalismo europeo, torna con un'opera che è completamente intrisa di senso mistico e religioso. Ispirandosi infatti alla musica sacra dell'alto Medioevo (del quinto secolo, come dal titolo del disco), Bryars offre due recenti composizioni per coro misto (in questo caso quello dei The Crossing e un altro di sole voci femminili) che sono sì piacevoli e anche suggestive, ma che non offrono sostanzialmente nulla di nuovo.

"The Fifth Century" (2014) ricalca quel carattere ascetico già esplorato nel non eclatante "Vita Nova" (Ecm New Series, 1994), ma lo fa con ancor meno varietà di stili e di soluzioni armoniche. I tempi di "Three Viennese Dancers" (1986) e di "After The Requiem" (1991), tanto per rimanere in casa Ecm, appaiono ormai come episodi lontani.
La pièce "The Fifth Century", appunto per coro misto e quartetto di sassofoni, dispiega in sette movimenti chiare influenze della musica corale di Arvo Pärt e di John Tavener (nella terza, sesta e settima parte), minimalismo da camera (seconda e quinta parte), continuum strutturali (quarta parte). Su tutto si staglia la prima parte, con il suo incedere grave e solenne. Complessivamente, il risultato è fin troppo "asettico" e privo di autentiche emozioni.

Il problema, però, è che Bryars non è Arvo Part (e tanto meno è Palestrina o William Byrd), visto che il grande compositore estone, queste cose, le ha fatte molto meglio e parecchio tempo prima di lui.
Chiudono la raccolta due gradevoli mottetti amorosi di stampo rinascimentale, "Two Love Songs" (2010), per coro femminile. Anche qui, purtroppo, pochi sussulti e molta routine (anche se si tratta di musica polifonica di ispirazione antica).

Curiosa, comunque, la foto di copertina, evidentemente scattata in Italia (si vede un anziano, seduto su un tram, che legge un noto quotidiano di centrodestra, con tanto di titolo contro il premier attualmente in carica).

(27/11/2016)

  • Tracklist
  1. 1-7: The Fifth Century (2014)
  2. 8-9: Two Love Songs (2010)
Gavin Bryars su OndaRock
Recensioni

GAVIN BRYARS

Hommages (1981 - ristampa)

(2008 - Les Disques Du Crepuscule/LTM)
Ristampa con due inediti di un vecchio introvabile Lp del 1981

Gavin Bryars on web