Ritmo Tribale

Mantra (ristampa)

2016 (Spin On Black) | alt-rock

A ventidue anni di distanza dalla prima pubblicazione (23 febbraio del 1994, su etichetta Black Out), la Spin On Black immette sul mercato una reissue in vinile 180 gr. del quarto album dei Ritmo Tribale, "Mantra", quello che consacrò definitivamente il culto della band milanese consolidandola fra i nomi di punta della scena indipendente italiana dei primi anni 90.
Il lavoro di rimasterizzazione e la nuova veste grafica (con tanto di booklet arricchito da una diversa impaginazione dei testi e da foto dell'epoca) donano oggi nuova luce a un disco fondamentale del gruppo allora guidato da Stefano "Edda" Rampoldi.

Forti di un crossover che attingeva a piene mani dall'esperienza delle migliori band americane dell'epoca, pescando tanto dallo stoner dei Kyuss quanto dai manifesti dagli eroi del grunge, i Ritmo Tribale generarono un mix personale che però non riuscì mai a farli emergere dalla nicchia d'appartenenza.
In "Mantra" concepirono un monolite di groove e chitarroni, dall'imponente opener "L'assoluto" alla sperimentazione de "Il male", passando per l'acida "Antimateria", per l'hardcore-punk di "Ti detesto II" e la personale cover de "Il cielo è sempre più blu", alternando energia a riuscite ballate indolenti ("Sogna", "Amara", "La verità").

Dai testi scomparvero quasi del tutto i temi sociali, per lasciare spazio a liriche più personali e spirituali (Edda abbracciò la religione krishna) con il cantato che diveniva più intelligibile rispetto ai lavori precedenti.
La sfortuna dei Ritmo Tribale fu quella di essere arrivati troppo presto: non appena i numeri delle migliori compagini della scena alt-rock nazionale iniziarono a diventare importanti, la band di Edda era già disintegrata.

Ma quell'esperienza fu fondamentale per disegnare le coordinate musicali di molte formazioni in divenire, basti scorgere quanto gli Afterhours di "Germi" (1995, quindi lievemente successivo a "Mantra") e "Hai paura del buio?" (1997) avrebbero attinto dai suoni e dall'atteggiamento dei Ritmo Tribale.
A loro per molti versi la formazione di Manuel Agnelli si ispirava, vuoi per i suoni, vuoi per una questione di prossimità geografica (entrambe provenivano dal capoluogo lombardo), e la sorte assegnò anche agli Afterhours come momento di svolta la rivisitazione di un pezzo di Rino Gaetano, "Mio fratello è figlio unico": da quel momento la scelta definitiva per il cantato in italiano ne mutò per sempre il destino.

(14/06/2016)

  • Tracklist
  1. Intro
  2. L'assoluto
  3. Madonna
  4. Sogna
  5. Hanno tradito
  6. Sire
  7. Mia religione
  8. Antimateria
  9. Ti detesto II
  10. Amara
  11. Buonanotte
  12. La verità
  13. Il cielo è sempre più blu
  14. Il male
  15. Outro


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.