Scott Walker

The Childhood Of A Leader OST

2016 (4AD) | orchestral score, avantgarde

L'esordiente Brady Corbet (ma già volto noto come attore) e lo scafato Scott Walker s'incontrano per il progetto "The Childhood Of A Leader" (2015), thriller fantapolitico sul trapasso tra guerre mondiali all'epoca del Trattato di Versailles.
Non solo la score di Walker accompagna a meraviglia la pellicola di Corbet: ne è anzi una sua componente fondamentale, persino vitale per risvegliare con enfatica prontezza i cali di tensione del film (specie nelle sequenze dialogiche).

Nonostante arroventino di continuo il contrappunto più classicheggiante, "Opening" (con un intermezzo di "concertino" per strumenti elettrificati) e "Finale" (terrificanti esercizi di variazione su un tema di marcia), ovvero i brani più estesi, possiedono lo sfondamento dell'heavy metal e i brividi del rock gotico. Ancor più conturbante è la buia oasi elettronica di "Dream Sequence", purtroppo solo un lacerto sottosviluppato. Seguono ammennicoli che si portano dietro qualche intuizione colta, come i vibrati degli archi alla Šostakovič ("Up The Stairs") e l'uso dei cluster orchestrali ("Third Tantrum"), di echi e percussioni ("On The Way To The Meeting"), e una fanfara mortifera ("Versailles"), che culminano nelle sospensioni Bruckner-iane di "The Meeting".

Terza e migliore prova di musica d'accompagnamento per Walker, dopo "Pola X" (1999) e "And Who Shall Go To The Ball" (2007), eseguita anche dal vivo al Film Festival 2016 di Rotterdam, è un concentrato o, meglio, un distillato di stilemi tratti da "Tilt" (1995), "The Drift" (2006) e "Bish Bosch" (2012). Breve e parziale ma tutto sommato potente, anche perché privata del suo classico crooning baritonale che sa talvolta di logorrea. Ha due modelli, l'Herrmann di "Psycho" e il Donaggio di "Carrie". Non ci si aspetti introspezione o ricerca, men che meno innovazione. Uno scarto, "New Dawn", che è una duplice rarità: è l'unica orchestrazione per synth di tutta la carriera di Walker, ed è anche la sua composizione più luminosa di sempre.

(24/08/2016)

  • Tracklist
  1. Orchestral Tuning Up
  2. Opening
  3. Dream Sequence
  4. Village Walk
  5. RUN
  6. Down The Stairs
  7. Up The Stairs
  8. The Letter
  9. Versailles
  10. Cutting Flowers
  11. Boy, Mirror, Cars Arriving
  12. Third Tantrum
  13. Printing Press
  14. On The Way To The Meeting
  15. The Meeting
  16. Post Meeting
  17. Finale
  18. New Dawn (Synth Layout For Cut Scene)
Scott Walker & Sunn O))) su OndaRock
Recensioni

SCOTT WALKER & SUNN O)))

Soused

(2014 - 4AD)
Unione di culto tra due nuovi beniamini della grande frangia alternativa

SCOTT WALKER

Bish Bosch

(2012 - 4AD)
Walker torna a vestire i panni del bardo apocalittico per un'opera ossessiva e affascinante, ispirata ..

SCOTT WALKER

And Who Shall Go To The Ball? And What Shall Go To The Ball?

(2007 - 4AD)
Walker torna con un'opera in quattro parti per una piece di danza

SCOTT WALKER

The Drift

(2006 - 4Ad)
L'album successore e prosecutore delle divagazioni astratte di "Tilt", e il solenne compimento della ..

SCOTT WALKER

Tilt

(1995 - Fontana / Drag City)
Un incubo espressionista inaudito, che rasenta in più punti lo stridio totale e l'atonalità ..

News
Scott Walker on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.