The Anchoress

Confessions Of A Romance Novelist

2016 (Kscope) | songwriter, pop

Il progetto della cantante, autrice e polistrumentista gallese Catherine Anne Davies potrebbe essere il classico caso in cui inizialmente si riceve attenzione per via della presenza di un artista di nome tra coloro che ci lavorano, ma che poi finisce per essere apprezzato anche per le indubbie qualità della protagonista. La Davies aveva già pubblicato alcuni Ep come Catherine AD, ma il suo nome ha iniziato a girare molto più del solito da quando l'assunzione del moniker The Anchoress ha coinciso con l'ingresso di Paul Draper come produttore e co-autore. L'ex-leader dei Mansun ha ricominciato a lavorare in ambito musicale proprio con questo disco, pertanto tantissimi fan della sua band sono stati attirati come le mosche dal miele.

Il tocco di Draper si sente dal punto di vista delle armonie strumentali, che in molti casi ricordano, più o meno da vicino, quelle dei Mansun più sofisticati; inoltre, c'è la sua voce che duetta con quella della Davies in "You and Only You", uno dei brani migliori del lotto per qualità melodica, vitalità e pathos. In generale, la produzione artistica è molto valida perché c'è sempre l'abilità di realizzare un suono stratificato e ricco di elementi, che non appesantisce mai lo scorrere dei brani e appare sempre molto adatto agli altri aspetti, ovvero le melodie, il timbro vocale e i testi.

Dal primo punto di vista, ci si divide tra momenti di grande immediatezza, che coincidono con le canzoni più vivaci e ritmate, e altri in cui invece l'ascolto è meno facile, in corrispondenza di un suono più cupo e posato, guidato spesso dal pianoforte; il timbro vocale è pieno e rotondo e ha una buona capacità di svariare tra diverse tonalità mantenendo queste due caratteristiche di base; i testi hanno un linguaggio forbito (la Davies ha un dottorato in letteratura) ma mai pretenzioso, con le immagini e le argomentazioni sempre facili da capire per l'ascoltatore. Le tematiche passano da diverse situazioni nel campo sentimentale e dei rapporti tra le persone a riflessioni su come ci si possa sentire a disagio nella società moderna, in particolare quando certi stereotipi possono condizionare negativamente le scelte del singolo individuo.

Si tratta, quindi, di un pop che intende essere colto e di alto profilo e che prova a scuotere e far riflettere chi ascolta tramite un suono ambizioso e ammaliante e argomentazioni poste con una terminologia ricercata, ma cercando di mettersi al livello di chi si vuole coinvolgere, senza dare consigli da una presunta posizione di superiorità.
"What Goes Around" è particolarmente ariosa e fresca e racconta di quando si è talmente presi dalla voglia di vendetta che ci si lascia pericolosamente scoperti alle spalle, "One For Sorrow" è più cupa e incisiva ed è un moto di rabbia nei confronti di chi vorrebbe che lo scopo di ogni donna fosse limitato al cercarsi un compagno di vita e una famiglia; "Popular" ha un'attitudine da ballo leggero e controllato e il suo testo è un tentativo di mettere in mostra quanto possa essere a volte irrazionale il desiderio di popolarità; "P. S. Fuck You" è una delle diverse ballad con il piano come elemento principale e, tra esse, è la meglio riuscita per intensità e capacità di coinvolgere, grazie a un suono particolarmente dinamico. Sul testo di quest'ultima, basta leggere il titolo per sapere su cosa verte.

Questo progetto ha l'evidente intenzione di parlare a tutti, senza essere piacione, ma puntando sulla presenza di tanti motivi di interesse, alcuni facili da cogliere, altri che invece emergono solo dopo alcuni ascolti. All'inizio può sembrare il classico lavoro troppo ricercato per l'ascoltatore distratto e troppo patinato per chi invece nella musica mette davanti l'intensità emotiva alla precisione formale, poi man mano tutto si svela e ci sono buone possibilità che la voglia di riascoltarlo torni anche diversi mesi dopo l'uscita, in un'epoca in cui sempre di più si tende a "prendere atto e passare al prossimo".

(17/05/2016)



  • Tracklist
  1. Long Year
  2. What Goes Around
  3. Doesn't Kill You
  4. You And Only You
  5. One For Sorrow 
  6. P.S. Fuck You
  7. Popular 
  8. Bury Me 
  9. Intermission (Notes to the Editor) 
  10. Waiting To Breathe
  11. Chip On Your Shoulder 
  12. Confessions of a Romance Novelist
The Anchoress on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.