White Lung

Paradise

2016 (Domino) | punk

Compiono dieci anni i canadesi White Lung, e festeggiano con un quarto full-length, licenziato dalla Domino Records. Alle spalle tre lavori: gli esordi al fulmicotone "It's The Evil" (2010) e "Sorry" del 2012, e un "disco della maturità", l'ottimo "Deep Fantasy" uscito due anni fa; tre album che messi insieme raggiungono a malapena un'ora di durata, nel segno di un punk-rock molto veloce e sempre attento alla melodia.
"Paradise" segna un altro passo verso una maggiore "accessibilità" del sound: la stessa frontwoman Mish Way in alcune interviste ha sottolineato l'ulteriore enfasi posta sul songwriting, a dispetto dell'etica punk che - a suo dire - vede l'evoluzione esclusivamente in ottica negativa.
Emerge inoltre la volontà di registrare un album dai suoni "attuali": “I wanted it to sound new. I wanted a record that sounded like it was made in 2016”.

Ed effettivamente l'accento posto sulla componente melodica si nota fin da subito: nell'iniziale "Dead Weight" troviamo un suono ripulito, sebbene riconoscibile nei suoi tratti fondamentali, quelli di un hardcore melodico che arriva però a lambire il power-pop in brani come "Below" e "Hungry".
Non hanno comunque smesso di graffiare, i White Lung: la chitarra di Kenneth Williams "viaggia" ancora alla grande, e in alcuni passaggi ("Kiss Me When I Bleed", "Demented" ) ritornano le più aggressive coordinate sonore delle loro precedenti fatiche.

La voce di Mish Way domina ancora una volta la scena, ed è una "voce" senza dubbio interessante la sua, anche per le lyrics, frutto della penna di un'appassionata femminista.
Del resto, la Way è laureata proprio in Scienze della comunicazione e porta avanti da tempo una parallela carriera come giornalista. Al suo attivo numerosi "pezzi" per riviste web e attualmente anche una "rubrica della posta", titolata "Ask Mish", sul magazine di Vancouver "Westender", dove tratta i più disparati quesiti in tema di sesso e dintorni.

Nella recensione del terzo disco rimarcavo lo scarso riscontro dei White Lung presso il pubblico italiano: a distanza di un paio di anni la situazione pare non essere cambiata, tanto che la penisola è ancora una volta assente dal loro tour europeo.
Vedremo se questo "Paradise" riuscirà a cambiare le cose, forte di un sound non ruffiano ma sicuramente più ammiccante che in passato. Per quanto mi riguarda, il verdetto è ancora una volta positivo: sebbene al momento "Deep Fantasy" resti il loro apice creativo, il nuovo lavoro ha tutte le carte in regola per guadagnarsi una heavy rotation.

(12/05/2016)

  • Tracklist
  1. Dead Weight
  2. Narcoleptic
  3. Below
  4. Kiss Me When I Bleed
  5. Demented
  6. Sister
  7. Hungry
  8. I Beg You
  9. Vegas
  10. Paradise
White Lung su OndaRock
Recensioni

WHITE LUNG

Deep Fantasy

(2014 - Domino)
La punk-band capitanata da Mish Way affronta la prova del terzo album

News
White Lung on web