Jessica Moss

Pools Of Light

2017 (Constellation) | post-rock, avantgarde

Violinista canadese, collaboratrice in una miriade di progetti della Constellation Records, oltreché compagna di Efrim Menuch (con il quale ha avuto un figlio nel 2009), Jessica Moss è nota soprattutto per aver fatto parte dei Thee Silver Mt. Zion Memorial Orchestra. Con “Pools Of Light” la musicista si cimenta in un progetto da solista, frutto di studi e ricerche sulle infinite possibilità del proprio strumento, anche se il vero esordio di Jessica Moss risale al 2015, un album prodotto da Guy Picciotto dei Fugazi e pubblicato solo su cassetta (“Under Plastic Island”).

Le due suite, ognuna divisa in quattro movimenti, setacciano tutto il percorso creativo dell’artista, mettendo insieme un album complesso e a volte doloroso, facendo confluire sia le sonorità orientaleggianti già sperimentate con la formazione avant-klezmer Black Ox Orkestar, sia le influenze neo-classiche e avantgarde.
Album dal fascino precario, “Pools Of Light” viaggia senza confini nei meandri più ancestrali della musica, alterando sonorità di chiara derivazione folk con il linguaggio dell’elettronica post-rock e della dronescape music. Il suono è apparentemente immobile, eppur attraversato da una dicotomia a tratti disturbante dove convivono il ghiaccio con il fuoco, lo stupore con la malinconia e il dolore con l’estasi della bellezza.

E’ un album difficile da condividere, privo di quegli slanci emotivi tanto cari ai fruitori occasionali, al contrario empio di ritmiche strambe e inconsuete e fluidi melodici disperati e sinistri, appena temperati dal fascino ipnotico di malinconiche sonorità klezmer (“Entire Populations, Pt. I”). La musica è spesso sospesa, in bilico tra la catarsi emotiva (“Glaciers I, Pt I”) e il caos (l’eccellente “Entire Populations, Pt. II”), spesso più ambiziosa della coeva proposta della compagna di scuderia e collega violoncellista Rebecca Foon (aka Saltland).

Lussuoso e a tratti ingombrante, “Pools Of Light” è una delle opere più difficili e ostiche della recente produzione di casa Constellation. Qui giacciono i semi di future rivoluzioni sonore, un disco la cui intensità va colta in completa solitudine non permettendo a nessuno di infrangerne la solenne austerità.

(28/07/2017)

  • Tracklist
  1. Entire Populations, Pt. I
  2. Entire Populations, Pt. II
  3. Entire Populations, Pt. III
  4. Entire Populations, Pt. IV
  5. Glaciers I, Pt. I
  6. Glaciers I, Pt. II
  7. Glaciers II, Pt. I
  8. Glaciers II, Pt. II 


<
Jessica Moss su OndaRock
Recensioni

JESSICA MOSS

Entanglement

(2018 - Constellation)
Un passo deciso verso l'autonomia espressiva per la violinista canadese

Jessica Moss on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.