Who

Who

2019 (Polydor) | classic rock, art-rock

Parte con un proclama il dodicesimo disco in studio nella carriera degli Who, o quantomeno della metà sopravvissuta fino oggi. In "All This Music Must Fade" Roger Daltrey e Pete Townshend sembrano voler reclamare una minore saturazione musicale: troppe uscite ogni settimana disperdono l'attenzione e non lasciano spazio all'approfondimento che l'arte delle sette note richiederebbe. A tredici anni da "Endless Wire", e raggiunta da tempo la terza età, i due highlander del mod (occhio alla copertina densa di riferimenti) si fanno accompagnare da grandi musicisti amici, fra i quali Pino Palladino, Zack Starkey e Matt Chamberlain.

Barcollano ma non mollano Roger e Pete, lasciando stemperare la malinconia d'antan di "I'll Be Back" nel blues di "Ball And Chain" (rilettura di "Guantanamo", brano già edito da Townshend come solista), nella modernità alt-pop di "I Don't Wanna Get Wise", nel country-folk di "Break The News" e nelle atmosfere latine (!!!) di "She Rocked My World". Ma in questo immane sforzo compiuto per apparire eternamente giovani non si scorgono momenti in grado di incuriosire nuovi adepti, sebbene l'impeto e gli assalti chitarristici dei bei tempi ("Street Song", "Rockin' In Rage") non risultino mai fuori tempo o fuori luogo, bensì sinceri e veraci.

La versione base di "Who" si sviluppa in undici tracce, ulteriori tre (molto trascurabili) arricchiscono la deluxe edition, fra le quali "Get Nothing To Prove" venne registrata per la prima volta nel 1966, scartata e tenuta nel cassetto (qualche motivo ci sarà pur stato...) fino a pochi mesi fa.
Il disco, nei giorni immediatamente successivi alla pubblicazione, ha raggiunto la seconda posizione in Stati Uniti, Canada e Scozia, la terza in Inghilterra, la quinta in Germania e Svizzera. Un lavoro inequivocabilmente indirizzato a chi continua a conservare un incancellabile amore nei confronti degli Who, quei fan che - visti i numeri - non intendono abbandonarli in quella che potrebbe essere ricordata come la loro ultima avventura artistica.

(13/01/2020)

  • Tracklist
  1. All This Music Must Fade
  2. Ball And Chain
  3. I Don't Wanna Get Wise
  4. Detour
  5. Beads On One String
  6. Hero Ground Zero
  7. Street Song
  8. I'll Be Back
  9. Break The News
  10. Rockin' In Rage
  11. She Rocked My World
  12. This Gun Will Misfire
  13. Get Nothing To Prove
  14. Danny And My Ponies
Who su OndaRock
Recensioni

WHO

Quadrophenia

(1973 - Track Records)
L'opera definitiva di Townshend e compagni, al tempo stesso inno al furore della giovinezza e apogeo ..

WHO

Who's Next

(1971 - Track)
Ritratto della "Who Generation" in un'opera fulminante

WHO

Tommy

(1969 - Polydor)
Una delle primissime opere concettuali che il mondo del rock strinse nel suo insaziabile abbraccio

News
Live Report
Speciali

Who on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.