Laura Marling

Song For Our Daughter

2020 (Chrysalis) | songwriter, folk

È un'intimità espansa con opportuno candore, quella che riaffiora in "Song For Our Daughter". Il settimo disco in dodici anni di onoratissima carriera per la cantautrice inglese è, per vari aspetti, uno spaccato di umori domestici, caratterizzati da una leggerezza in fin dei conti apparente. Non è un caso, infatti, che l'album sia nato nello studio di casa. Un avamposto scolpito nel proprio seminterrato in cui comporre e registrare, spesso in compagnia del proprio amato e delle persone più care.

Se il precedente "Semper Femina" lasciava trasparire una prima sterzata, appannaggio di una composizione acusticamente meno articolata, senza per questo rinunciare a un richiamo concettuale più "alto", con riferimenti all'Eneide di Virgilio, alla ricerca di una femminilità da approfondire e valorizzare su più piani, stavolta manca l'aggancio tematico che unisca i singoli pezzi. Certo, c'è l'innocenza perduta a trainare le parole a più riprese. Una purezza d'intenti esposta con commovente grazia soprattutto nella title track, ballata memorabile al primo ascolto e gemma del disco, a metà tra la Mitchell e la Nyro, dunque nel solco della riuscita "Wild Fire" del sopracitato predecessore. Ma soprattutto negli archi soavi, meravigliosamente contrapposti al piano altrettanto carezzevole, di "Blow By Blow".

È un'innocenza tutt'altro che stereotipata, quella che predomina l'umore della Marling. Lo sguardo è rivolto al (proprio) futuro. A una prole caldamente desiderata. Al netto dei passaggi più "ariosi", nell'album non manca la consueta melanconia, come nella splendida "The End Of The Affair", brano in cui prende vita, tra un coretto e l'altro, un inaspettato crollo amoroso. E in particolare in "Fortune", la canzone che "l'ha fatta piangere", con le parole che nascono da un ricordo materno della musicista legato al senso delle piccole cose, considerate per l'occasione come le grandi fortune da conservare con cura e da "utilizzare" come scudo soltanto nei momenti del bisogno. Necessità interiori, s'intende.
Decisamente più leggiadra l'opening track, "Alexandra", ispirata ufficialmente ad "Alexandra Leaving" di Leonard Cohen, come la stessa Marling svela nella nostra intervista, e il trotto "spensierato" di "Strange Girl", che rimanda alla primissima Sheryl Crow, quella tutta polvere e anima di "Tuesday Night Music Club".

Composto tra costanti letture in biblioteca e caldissime serate in salotto, inseguendo molto volentieri una solitudine salvifica e l'agognato silenzio, "Song For Our Daughter" è nel complesso l'album meno "centrato" e "ispido" della Marling, ma non per questo meno passionale. Un lavoro strutturalmente "alleggerito", che conferma, comunque sia, la bontà compositiva di quella che resta una delle migliori cantautrici degli ultimi tre lustri.

(19/04/2020)

  • Tracklist
  1. Alexandra
  2. Held Down
  3. Strange Girl
  4. Only The Strong
  5. Blow By Blow
  6. Song For Our Daughter
  7. Fortune
  8. The End Of The Affair
  9. Hope We Meet Again
  10. For You


Laura Marling su OndaRock
Recensioni

LAURA MARLING

Semper Femina

(2017 - More Alarming Records)
Il nuovo disco della cantautrice inglese è un concept al femminile di rara bellezza

LAURA MARLING

Short Movie

(2015 - Ribbon)
Grande conferma per la cantautrice inglese, tra la scoperta di se stessa e dell'America

LAURA MARLING

Once I Was An Eagle

(2013 - Virgin)
L'album da "autrice matura" dell'eterno prodigio del folk femminile

LAURA MARLING

A Creature I Don't Know

(2011 - Virgin)
La nuova star del cantautorato inglese torna a un solo anno dal precedente disco

LAURA MARLING

I Speak Because I Can

(2010 - Virgin)
Alla ricerca di una conferma, la giovanissima cantautrice alza il tiro, rischiando di inciampare nei ..

LAURA MARLING

Alas I Cannot Swim

(2008 - Virgin)
Finalmente anche in Italia la diciottenne che ha stregato il Regno Unito

News
Laura Marling on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.