Eris Drew

Quivering In Time

2021 (T4T LUV NRG) | deep-house, breakbeat

Visto quanto è impegnata sin dagli anni Novanta a mixare dischi e a proporre dj-set di euforico e vitale eclettismo, fa quasi specie che si sia arrivati nel 2021 ad avere il primo effettivo album di Eris Drew. Si potrebbe allacciare a questo discorsi alquanto risaputi su quanto il formato full-length poco si adatti al dinamismo del dancefloor, eppure il Motherbeat (l'energia tutta femminile, curativa, di cui trasudano i suoi set) della celebre mixer ha saputo esprimersi bene anche oltre il cut singolo e la straripante creatività dei suoi mix ("Raving Disco Breaks Vol. 1" ascolto essenziale a riguardo), trovando snodi espressivi di grande personalità, che "Quivering In Time" riassume in un affresco di grande respiro. Elaborato alquanto rapidamente nel suo studio personale nei boschi del New Hampshire, dotato del potere emozionale che da sempre accompagna la sintesi espressiva di Drew, l'ascolto è un'esuberante esplorazione in quaranta anni di continuum dance; un album dalle solide premesse deep ma che non esita a dirigersi verso più robuste incursioni breakbeat e spigoli techno, sventagliando un'attitudine progressiva che tanta house ha perso di vista. La festa è garantita.

Non concentratevi sul momento singolo, per quanto anche sotto questo profilo ci sia chiaramente da gioire: fedele al suo percorso da mattatrice dei club (di recente anche nei set consecutivi condotti con la compagna Octo Octa), Drew lega i brani del disco alla maniera di una scaletta per il club, conduce il gioco con polso esperto, favorendo lo sviluppo dei brani ma trovando sempre la giusta misura per non tirarla troppo per le lunghe. La sapienza nel mixing amplifica quindi le peculiarità espressive, il carattere estatico delle sue produzioni, che non temono il confronto con la tempra euforica delle selezioni per i mix. Serrata, ma mai precisamente come te la aspetti, la house della producer si innerva di sottili trame psichedeliche, adopera campionamenti decentrati, si ossigena attraverso frangenti più contemplativi che però non rinunciano alla grana vibrante del parco ritmi. Perché il ritmo resta comunque centrale, è lui il tramite della filosofia di Drew. Che richiami gli acidissimi esordi dell'epoca rave, con euforici passaggi vocali e una congerie di ritagli sonori a dare l'idea del club più stravagante in circolazione ("Time To Move Close"), che lasci sgusciare il suo gusto per bassi prorompenti e coloriture in fascia breakbeat (la disinvolta mini-suite "Pick 'Em Up"), che zompetti tra i più bizzarri frammenti melodici, tra tastiere allucinate ("Loving Clav"), questi non manca di trasmettere la sua energia, di collegarsi al senso di benessere sotteso all'intera operazione.

Tra parentesi garage che quasi collegano Kerri Chandler a Josh Wink (la grinta di "Show U Love"), riflessioni psych, papabili per un adattamento anni Venti del big-beat ("Sensation"), snare prepotenti che stuzzicano la vena più selvaggia, angolare della producer (la title track, saggiamente posta in chiusura) "Quivering In Time" è esperienza dai molteplici crocevia, artificio che interseca gli albori e il presente della dance per riscoprire l'essenza più gioiosa, profonda, fondamentalmente umana del genere. Per un album concepito in un periodo di profondo isolamento, la missione ha un che di radicale.

(23/12/2021)

  • Tracklist
  1. Time To Move Close
  2. Pick 'Em Up
  3. Loving Clav
  4. A Howling Wind
  5. Show U Love
  6. Baby
  7. Sensation
  8. The Message / Ride Free
  9. Quivering In Time
Eris Drew on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.