Soshi Takeda

Floating Mountains

2021 (100% Silk) | outsider house

Possiamo ancora parlare di outsider house nel 2021, o fa brutto? Già che la musica house ha subìto notevoli mutazioni nel corso degli ultimi quarant'anni di storia del beat, ma la particella outsider, che un tempo girava liberamente in certi blog di settore, sembrava proprio essere finita nelle retrovie, in favore di chissà quali altre nuove trovate da hipster alla moda. Certo, però, se nel 2021 la house si ritrova a passare per le mani di uno sconosciuto producer giapponese associato di sbieco al marchio 100% Silk, la definizione outsider viene fuori proprio naturale.
E poi c'è quel titolo - "Floating Mountains" - unito a una foto di copertina dai colori rinfrescanti e la grafica suggestiva, che pare quasi elaborata ma in verità viene fatta in serie - se date un occhio al catalogo dell'etichetta su Bandcamp, la sagoma di base è sempre la stessa: la silhouette distesa a quadrato dell'inserto di una cassetta. Eppure funziona, sarà kitsch e sostanzialmente inutile, ma funziona. Soshi Takeda consegna esattamente quanto promesso: ventate di paesaggi all'acquarello e beat digitali che - guarda caso - fluttuano nell'aria come batuffoli di nuvola in cima alle montagne. Atmosfere soffuse e vaporose, quindi, sgranate come ricordi sbiaditi di una memoria nostalgica - per citare un altro trend che andava di moda almeno un decennio fa: chillwave.

Con titoli suggestivi come "Ancient Fish", "Water Reverberation" e "Deep Breath", Soshi Takeda crea quindi immaginari da documentario naturalistico dove potersi abbandonare dolcemente alla fantasia, cullati dal picchiettare di dita robot su lucenti padelle di bronzo. Quegli ostinati circolari di tastierine vintage e flautini sintetici, come si sentono sull'andamento di "Quarry", ricordano certe atmosfere mistiche di Michael Cretu in arte Enigma, per un tocco new age certo posticcio e liofilizzato, ma stranamente suggestivo.
Ci pensano la title track e "Lantern Reflection", semmai, a portare avanti un discorso ritmico più spedito e squadrato, associabile alla house comunemente intesa, pur senza mai invitare direttamente all'entrata in pista: questa è musica da ambienti meditativi e pomeriggi solitari, pura suggestione creata non tanto per aggredire i sensi quanto per sottolinearne certi accenti durante il corso della giornata.

E in quanto tale, non si può che aggiungere anche "Floating Mountains" alla rotazione settimanale di quegli ascolti da sottofondo che inebriano e accompagnano con garbo. I suoi solchi non saranno niente di troppo specifico né particolarmente originale - ci sono altri disadattati nel mondo outsider che ancora impastano con veemenza su queste stesse atmosfere, per tacere di tutto il pauroso universo vaporwave - ma una scivolata ogni tanto su bassi di gomma e traballanti foglioline sintetiche si fa sempre con discreto piacere. Tra una cosa e l'altra, può capitare di sentirsi anche un filo meno outsider del solito...

(24/12/2021)

  • Tracklist
  1. Floating Mountains
  2. Ancient Fish
  3. Hidden Wave
  4. Quarry
  5. Lantern Reflection
  6. Water Reverberation
  7. Deep Breath
Soshi Takeda on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.