Let's Eat Grandma

Two Ribbons

2022 (Transgressive) | electropop, art pop

L'ascolto di "Two Ribbons" non può che portare con sé un lieve sapore di delusione, specie per i fan della prima ora. Arrivato a quattro anni dal suo predecessore, il disco conferma la tendenza di "I'm All Ears" di normalizzare il sound del duo tutto al femminile di Norwich. Niente più atmosfere da soffitta incantata, strumenti giocattolo e pose da spiritelle, per Rosa e Jenny, dunque.
Tuttavia, a ben ascoltare questa terza fatica delle due, la maturità raggiunta nel manipolare linguaggi sonori ben radicati (il dance-pop nella prima parte del lavoro e il dream-pop nella seconda), unita a testi profondi e sinceri, spazza via, almeno parzialmente, il disappunto.

Al centro lirico del progetto troviamo ancora una volta la relazione tra le colleghe cantanti e polistrumentiste Walton e Hollingworth. Del resto, amiche sin dall'infanzia, è già dal primo disco (intitolato per l'appunto "I, Gemini"), che le due si considerano una sorta di coppia di gemelle mancate. Questa volta tutto però si fa più analitico e a tratti cupo. Riposti i toni fanciulleschi dei primi tempi, le ormai ventitreenni riflettono di canzone in canzone su quanto e come il tempo abbia influito sul loro rapporto. Da questo punto di vista, il brano più interessante è quello posto in chiusura, nonché title track, che vede le due cantanti alternarsi e raccontare, proprio come in una seduta psicanalitica, la propria versione.
Il brano suggella una seconda parte di disco trasognata e lenta, che vede brani veri e propri alternarsi a intermezzi pittoreschi. Mentre "Sunday" illustra il duo alle prese con un dream-pop piuttosto ordinario, "Strange Conversations" porta le ragazze in un inedito scenario di folk orchestrale.

È di ben altra pasta invece la prima parte del disco, che potremmo definire come una birbante cavalcata dance pop con il santino di Moroder nel taschino del gilet. Si comincia infatti con i fuochi d'artificio (presenti anche sotto forma di campionamento in "Happy New Year") dance, per poi intingere i synth in una melassa di aromi orientali ("Levitation") e rendere omaggio ai Blondie ("Watching You Go").
Le canzoni più interessanti sono però quelle che chiudono la prima sezione, "Hall Of Mirrors", con il suo rigoglioso finale per ottoni, ma soprattutto l'esotica "Insect Loop", una specie di irresistibile europop con i sintetizzatori malinconici e malconci.

(17/04/2022)

  • Tracklist
  1. Happy New Year
  2. Levitation
  3. Watching You Go
  4. Hall of Mirrors
  5. Insect Loop
  6. Half Light
  7. Sunday
  8. In the Cemetery
  9. Strange Conversations
  10. Two Ribbons


Let's Eat Grandma su OndaRock
Let's Eat Grandma on web