Lea Bertucci

Of Shadow And Substance

2023 (Cibachrome Editions)
experimental, contemporary classical, electroacoustic
7.5

Compositrice e sassofonista di stanza a New York, Lea Bertucci si è imposta nel giro di pochi anni come artista di punta della scena sperimentale grazie, a una interessante linea di ricerca incentrata sulle relazioni tra fenomeni acustici e risonanza biologica - come lei stessa scrive nella sua biografia - che mette in primo piano il rapporto stretto tra suono e spazio architettonico. Dopo la recente collaborazione sviluppata in remoto con Lawrence English e cristallizzata nel convincente "Chthonic" (2023, American Dreams), il suo percorso discografico si arricchisce di un nuovo interessante tassello pensato come "a brief glimpse into what it is to be human in what feels like these waning days of the Anthropocene".
"Of Shadow And Substance" vede Bertucci agire in veste di autrice e produttrice di due partiture affini nell'approccio, ma profondamente divergenti per forma e nel tono. Realizzate utilizzando l'accordatura naturale degli strumenti e affidando agli esecutori libertà di interpretazione, le due partiture che compongono il lavoro trovano ulteriore ampiezza grazie agli effetti di spazializzazione e le interpolazioni elettroniche innescate dalla stessa musicista americana.

Affidata alla perizia esecutiva del Quartetto Maurice, "Vapours" delinea una trama complessa in cui gli archi agiscono secondo linee singole che si intrecciano costantemente fino a generare una danza di armonie nervose, sospese in un ambiente dalla densità cangiante. Come una marea inquieta, il suono si distende e coagula senza sosta fino a farsi bordone acuto, una sorta di urlo munchiano spezzato da una frequenza bassa che prelude al caos. Il suono degli strumenti si fa percussivo, la struttura fin qui percepibile si scioglie fino a scandire una netta ripartenza che riconduce al punto di inizio.
L'insieme è altamente evocativo, un'esperienza sensoriale totalizzante che si ripercuote nella successiva title track, anche se corroborata da un'atmosfera e una consistenza nettamente divergenti. La luce degli archi cede il passo a ombre profonde, il suono diventa tellurico, magma sotterraneo dissonante che manifesta più chiaramente l'elaborazione in tempo reale. Contrabbasso, violoncello, arpa, percussioni collidono determinando un paesaggio tumultuoso, affine all'ispirazione geologica del lavoro condiviso con English, un ambiente materico dalla connotazione ancestrale.

La varietà armonica e la ricchezza cromatica derivante dall'accostamento delle due parti dell'album genera un viaggio ambivalente, perfetta dimostrazione della profonda intensità emozionale di una pratica sonora dagli esiti sfaccettati, ma sempre incline a un livello qualitativo eccellente.

08/02/2024

Tracklist

  1. Vapours
  2. Of Shadow And Substance

Lea Bertucci sul web