Keaton Henson

Dear

2012 (Oak Ten Records) | alternative folk

Nasce come designer Keaton Henson, ventiquattrenne londinese autore di un esordio ricco di confessioni intime e malinconiche. “Dear” è la celebrazione della timidezza e del panico, due aspetti della debolezza umana che difficilmente vengono declamati con tale sincerità; le canzoni sono infatti dei piccoli specchi infranti che Keaton Henson rimette insieme con abile candore.
Non è un caso che queste bedroom-songs abbiano visto la luce solo per insistenza di alcuni suoi amici; non c’è nessuna urgenza da comunicare, nessuna tesi da sostenere, la poesia che scivola dall’abile penna del cantautore è profonda e intensa grazie esclusivamente alla sua purezza. Non c’è dubbio che la forza di un brano come “You Don`t Know How Lucky You Are” sia il germe catalizzatore dell'album, tutto sembra ruotare intorno a quei quattro minuti scarsi di folk-blues che affondano nella sofferenza più intima con un bisbiglio che simula un grido.

Armonie delicate e una voce gentile vengono imbavagliate dall’emozione per una sequenza ricca di inflessioni elettroacustiche, a tratti barocche e spontaneamente sontuose. Keaton Henson si aggiunge alla lista di nuovi esploratori dell’anima, con briciole di folk alla Sufjan Stevens, sequenze di accordi elaborate e dirette che evocano Bon Iver e guizzi di brio privi dell’epica di James Yorkston, anche se il riferimento più immediato resta l’ Elliott Smith di “Roman Candle”.

La vulnerabilità di un cuore trafitto dall’abbandono è il tema ricorrente delle liriche; il finger-picking sfavillante indugia in toni quasi emo, liberandosi dalla mestizia nel tenero insieme di memorie e ricordi di “Sarah Minor”, come pure nel giocoso flusso corale di “Not That You`d Even Notice”.
Accogliente, confortevole, il sound di “Dear” non cede alla monotonia di stile: la scrittura sicura e raffinata evidenzia un talento per i dettagli che trasforma questi piccoli racconti intimi in un diario da consultare in solitudine. Tracce come “Small Hands” e “Flesh And Bone” elevano il pathos, aprendo le porte ad un altro momento di intenso folk-blues, ovvero “Nests”,  la cui struttura cresce su accordi complessi e cristallini, in una bellezza magnetica che pervade tutto l’album e lo candida come uno degli esordi più stimolanti del songwriting moderno.

(05/10/2012)



  • Tracklist
  1. Prologue
  2. You Don`t Know How Lucky You Are
  3. Charon
  4. Oliver Dalston Browning
  5. Sarah Minor
  6. Small Hands
  7. Flesh And Bone
  8. Nests
  9. Not That You`d Even Notice
  10. Party Song
  11. To Your Health (New Mix)
  12. About Sophie
Keaton Henson su OndaRock
Recensioni

KEATON HENSON

Kindly Now

(2016 - Play It Again Sam)
I dolori del giovane Henson, nel manifesto del neo romanticismo folk

KEATON HENSON

Romantic Works

(2014 - Oak Ten Records)
L'inatteso album neoclassico del songwriter accolto dalla critica come il Jeff Buckley inglese

KEATON HENSON

Birthdays

(2013 - Oak Ten)
Il nuovo album del pittore-musicista scava nel profondo del folk-blues

Keaton Henson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.