Beck

Sea Change

2002 (Geffen) | pop-rock

Torna Beck (vi risparmio lo stantio gioco di parole…) con "Sea change", quattro anni dopo "Mutations" (penultimo, precedente a "Midnite Vultures"), e di questo è l'ideale seguito. Infatti il cantautore simbolo degli anni ’90, folletto che giocava con folk, hip-hop, funky e quanto potesse offrire la pop music al decennio scorso, ha sposato la strada del cantautorato più tradizionale già da quel lavoro del 1998, e con questa nuova uscita smussa gli angoli e le stranezze residue di Mutations, completando una parabola artistica che lo ha portato verso uno stile elegante che potremmo definire classico per la tradizione cantautorale rock.

Affidandosi a un produttore come Nigel Goldrich (Radiohead, tanto per fare un nome che conoscono pure i sassi), il vestito di questi brani è curato in maniera certosina, e l’equilibrio tra melodia, elettronica e archi (orchestra diretta dal padre David Campbell) è pressoché perfetto. Abbandonati al passato giochi di citazioni, campionamenti, ironia beffarda, il Beck di "Sea change" è finalmente un maturo cantautore nel più classico senso del termine, e i riferimenti ai grandi maestri sono inevitabili, da Neil Young ("The golden age") a Scott Walker ("Lonesome tears"), passando per Nick Drake ("Already dead").

Tra un salto e un altro, però, ci scappa anche uno scivolone, il mezzo plagio di "Paper Tiger", che ricorda in maniera clamorosa "Melody" di Serge Gainsbourg, alla quale il nostro ha comunque ammesso di essersi ispirato. Se la melodia la fa da padrone, e con ottimi risultati, vittima di questo cambiamento ne è il ritmo: niente funky dei bei tempi, ma lente e malinconiche ballate, dove il ritmo si alza di rado. Non si tratta di invecchiamento, come qualcuno sostiene e paventa, ma di una fase creativa che Beck ha compiuto consapevolmente, se si tratta di una senilità creativa non è certo “Sea Change” l’album che la testimonia.

(25/10/2006)

  • Tracklist
  1. The Golden Age
  2. Paper Tiger
  3. Guess I'm Doin' Fine
  4. Lonesome Tears
  5. Lost Cause
  6. Nothing I Haven't Seen
  7. All In Your Mind
  8. Round The Bend
  9. Already Dead
  10. Sunday Sun
  11. Little One
  12. Side Of The Road
Beck su OndaRock
Recensioni

BECK

Hyperspace

(2019 - Capitol)
Beck e Pharrell Williams confezionano un album minimale e soffuso, soffermandosi un po' troppo sull'estetica ..

BECK

Colors

(2017 - Capitol)
Un lampo di colore pop nel tredicesimo capitolo di Mr. Hansen, tra radiofonicità e conti col passato ..

BECK

Morning Phase

(2014 - Capitol)
Per l'atteso ritorno dopo sei anni, Beck ripercorre i sentieri del folk e della pace interiore

BECK

Modern Guilt

(2008 - Universal)

Il nuovo cocktail "post-tutto" del cantautore californiano

BECK

The Information

(2006 - Interscope)

BECK

Guerolito

(2006 - Interscope)

BECK

Guero

(2005 - Interscope/Universal)

BECK

Mellow Gold

(1994 - Geffen)
Il capolavoro di Beck Hansen, tra rock, hip-hop e lo-fi

News
Live Report



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.