Duran Duran

Astronaut

2004 (Sony) | synth-pop

Orbene, muniamoci di coraggio, di pinze e di polsi saldi, e cimentiamoci. Scrivere dei Duran Duran nel 2004 è operazione ancor più delicata di quanto non lo fosse vent'anni fa, ed è così per l'attempato paziente (ormai tuttavia aduso a farsi vivisezionare), ma ancor più per il malcapitato medico, destinato a essere anch'egli vittima, a prescindere, ora come allora. Ammettiamolo pure, questo si chiama mettere le mani avanti. L'invito a nozze consiste nel marchiare la reunion, avvenuta dopo quattro travagliati lustri costellati da continui cambi di formazione e da prove eufemisticamente altalenanti, come l'ennesima rimpatriata di (e per) vecchi rimbambiti. Vorremmo farlo, ce ne laveremmo la coscienza, ma purtroppo per voi così non sarà. Certo, siamo consapevoli del fatto che scocci sorbirsi cotanta tiepida brezza da degli ultraquarantenni dati per morti e sepolti illo tempore, e possiamo ben comprendere quanto risulti stucchevole ai più l'iper-laccato spot di una nota compagnia telefonica, piazzato a mo' di rito come incipit delle sacre partite domenicali del football italico. Fatto sta che, oggi come nel 1982, a menare le griffate danze ci sono sempre loro, gli sfacciati per eccellenza, con un album che, fra cadute, vette e risalite, suona esattamente come si conviene all' easy d'oggidì.

Pregio o difetto? Di sicuro, una ventata di estiva, superficiale giovinezza, insomma, sia quando essa ammicca pericolosamente al Raf di "Self Control" (la base di "(Reach Up For) The Sunrise"?), o ancor peggio al kitsch latino a la Ricky Martin ("Astronaut"), ma soprattutto quando Simon & C. decidono, peraltro riuscendovi, di correre contro sé stessi quanto a gloriose orecchiabilità trascorse ("Finest Hour", "Taste The Summer").
Se vi reputate già saturi del tormentone odierno, vi invitiamo sin d'ora a spegnere la radio per i prossimi tre mesi, dato che l'imminente secondo hit dal titolo "What Happens Tomorrow", entrerà in men che non si dica fra i classici del gruppo, fra "Girls On Film" e "Save A Prayer": Le Bon canta tanto bene come mai aveva fatto prima (ma in tutto il disco è così, a ben pensarci) su un arioso mezzotempo talmente appiccicoso che al secondo ritornello non ci si potrà esimere dal fischiettarlo, dal cambiare stazione, o dal fare entrambe le cose, ovviamente.

E che dire del funky bianco ostentato in "Finest Hour", possibile outtake di "Notorius" che riesce nell'impresa di mettere in fila dietro di sé tutti i brani di quell'acclamato album? Peccato davvero non potersi cibare di siffatte innocue frivolezze dal bordo di una piscina, sotto un sole cocente: la stagione, in questo, non ci aiuta. Di certo non basterà ai fan più accaniti l'artificio del solarium per pareggiare la voglia suscitata di vacanza, così come al contrario potrà persino avanzare agli agguerriti detrattori dei fab-five (eh si, perché i settanta milioni di dischi venduti pesano, eccome!) almeno per rinnovare gli antichi (f)asti.

In "Astronaut" ci potrete trovare per intero l'universo Duran Duran: le canzoni "così così" prese miracolosamente per i capelli da ritornelli più che convincenti ("Chains"), l'intatta capacità di insegnare ai discepoli come si scrivono brani perfettamente al passo coi tempi (allora accadeva con "Planet Earth", così come oggi succede con "Nice", vero frutto proibito per la Planetfunk generation), e infine la sfrontatezza del lentaccio già sentito che però finisce col rapire la beata ignoranza di nuove leve di fanciulle alle prese coi primi amori ("Still Breathing").

La nostra diagnosi è che i Duran Duran si presentano oggi misteriosamente uguali a sé stessi, ma nel contempo aderenti, con nonchalance, ai tempi che corrono: dunque, come sempre in questi casi, si tratta di prendere o lasciare. E noi, pur sperando di passare inosservati, sommessamente prendiamo.

(12/12/2006)



  • Tracklist
  1. (Reach Up For The) Sunrise
  2. Want You More!
  3. What Happens Tomorrow
  4. Astronaut
  5. Bedroom Toys
  6. Nice
  7. Taste The Summer
  8. Finest Hour
  9. Chains
  10. One Of Those Days
  11. Point Of No Return
  12. Still Breathing
  13. (Reach Up For The) Sunrise [Multimedia Track]
Duran Duran su OndaRock
Recensioni

DURAN DURAN

Paper Gods

(2015 - Warner Bros)
La giovinezza è uno stato mentale, parola degli Dei di carta

DURAN DURAN

All You Need Is Now

(2010 - Tape Modern)
L'afflato giovanileádi un gruppo simbolo del pop anni 80á

DURAN DURAN

Red Carpet Massacre

(2007 - Epic)
Tra Timbaland e Timberlake, il ritorno degli idoli pop 80

DURAN DURAN

Rio

(1982 - Emi)
A trent'anni dalla sua uscita, celebriamo il capolavoro della stagione new romantic

Duran Duran on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.