Cocteau Twins

Lullabies To Violaine

2005 (4AD) | dream-pop

Signore e signori, in piedi per favore, ecco a voi i Cocteau Twins. Ci sono gruppi che incidono sull'evoluzione della musica rock, altri che scrivono grandi canzoni, altri ancora che assurgono allo status di culto. I Cocteau Twins hanno al contempo incarnato tutto ciò, forgiando un sound originale, diverso, pur partendo da assiomi ben precisi, e ci hanno donato grandi composizioni che si ricorderanno a lungo. Poi il registro di Elizabeth Fraser, diafano e austero, pura magia, capace di regalare emozioni e brividi dietro la schiena; come si fa a non amare questa donna? Con Kate Bush e Maggie Reilly la voce femminile più incantevole degli anni 80.

"Lullabies To Violaine" altro non è che la raccolta di (quasi) tutto il materiale non presente negli Lp della band, e credetemi sulla parola se vi dico che trattasi di musiche di una bellezza abbacinante. Del resto non è un mistero che diversi Ep contenessero alcune tra le cose migliori che i Cocteau abbiano mai prodotto. Play, ed emozione unica nel poter ascoltare in sequenza "Sunburst And Snowblind", "Pepperment Pig", "Aikea-Guinea", dalle implosioni dark/siouxsieggianti del periodo "Garlands", passando per il folk etereo di "Treasure" fino al proto trip-hop dell'ultima fase di carriera.

Poi i singoli, le alternative version e chi ne ha più ne metta. Dovete solo ascoltare e rimanere in silenzio, come in un museo, a una prima teatrale, in una chiesa, così da godere dello splendore pornografico di "The Spangle Maker", dell'accoppiata "Tiny Dynamine"/"Echoes In A Shallow Bay"; viene quasi da piangere tant'è la grazia. Ancora: il concept grafico di V23, il packaging e tutto il resto, uno dei rari casi in cui marketing e musica di qualità remano nella stessa direzione. "Lullabies To Violaine" è la giusta celebrazione di una band immensa. Consigliarlo? No, è un obbligo.

N.B. Il box è in edizione limitata a 15.000 copie.

(09/04/2016)

  • Tracklist

DISC 1

 

1. Feathers Oar-Blades
2. Alas Dies Laughing
3. It's All But An Ark Lark
4. Peppermint Pig 7
5. Laughlines
6. Hazel
7. Sugar Hiccup
8. From The Flagstones
9. Hitherto
10. Because Of Whirl-Jack
11. The Spanglemaker
12. Pearly Dewdrops Drops - (alternat version)
13. Pepper Tree
14. Aikea Guinea - (alternate version)
15. Kookaburra
16. Quisquose
17. Rococco

DISC 2

1. Pink Orange Red
2. Ribbed And Veined
3. Plain Tiger
4. Sultitan Itan
5. Great Spangled Fratillery
6. Melonela
7. Pale Clouded White
8. Eggs And Their Shells
9. Loves Easy Tears
10. Those Eyes That Mouth
11. Sighs Smell Of Farewell
12. Orange Appled
13. Iceblink Luck
14. Mizake The Mizan
15. Watchlar

DISC 3

1. Evangeline
2. Mud And Dark
3. Summer-blink
4. Winter Wonderland
5. Frosty The Snowman
6. Bluebeard
7. Three Swept
8. Ice Pulse
9. Bluebeard - (acoustic version)
10. Rilkean Heart - (acoustic version)
11. Golden Vein - (acoustic version)
12. Pink Orange Red - (acoustic version)
13. Half Gifts - (acoustic version)

DISC 4

1. Feet Like Fins - (Mark Clifford remix)
2. Seekers Who Are Lovers - (Mark Clifford remix)
3. Violaine - (Mark Clifford remix)
4. Cherry Coloured Funk - (Mark Clifford remix)
5. Tishbite
6. Primitive Heart
7. Flock Of Soul
8. Round
9. An Elan
10. Violaine
11. Smile
12. Tranquil Eye
13. Circling Girl
14. Alice

Cocteau Twins su OndaRock
Recensioni

COCTEAU TWINS

Treasure

(1984 - 4AD)
L'epocale Tesoro della band britannica, in cui è rinchiusa tutta la magia del dream-pop

Speciali

Cocteau Twins on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.