Dresden Dolls

Yes, Virginia

2006 (Roadrunner) | punk-cabaret

L'abitudine a dare al sopracciglio la forma del ghirigoro che si preferisce continua ad andare di pari passo alla libera e burlesca interpretazione del mondo, per i Dresden Dolls, anche dopo l'efficace biglietto da visita siglato dalla cifra dell'omonimo album.
Forte di un notevole carisma promozionale riempito di una naturale e peculiare energia, incarnata dalla maschera decadente e brechtiana di Amanda Palmer, estrosa pianista sospesa tra l'eleganza dello strumento e una personalità incandescente, perfettamente enfatizzata e abbracciata dalla figura sullo sfondo del batterista/pierrot Brian Viglione, il duo torna in scena con "Yes, Virginia".

Inscatolare il disco in un genere risulta impresa quantomai ardua, data la molteplicità degli spunti e delle suggestioni.
Ciò che immediatamente colpisce è un modus assolutamente viscerale di approcciarsi allo strumento, tanto per il pianoforte di Amanda quanto per la batteria di Brian. Lo scenario è una sorta di teatrino d'avanguardia direttamente restaurato dalla Belle Epoque: ci si aspetterebbe una performance à-la Ute Lemper, oppure, ripescando nel passato più immediato, una tragicommedia vicina all'ironia pungente di Vanity Set, ma niente di tutto questo.
Gli ascolti post-punk tradiscono un'energia, un picchiare forsennatamente sul pianoforte e sulla batteria, insieme a un cantato dalla smorfia grottesca e terrorifica, alleggeriti da un piglio esteta e più diretto, rispetto alla ruvidità del grembo progenio.

L'apertura riporta da subito alla mente la forza vitale con la quale Amanda canta e suona il pianoforte, come un moto improvviso con il quale ci si desta e si spalanca ogni finestra, elettrizzati dalla primavera, lasciando entrare tutta la brezza che c'è ("Sex Changes") e che rivolta l'aria di casa con esagitata freschezza di furiosa voce e iperattiva batteria ("Modern Moonlight").
Il sipario del cabaret si apre su una ballerina che, strizzata in una guepière, danza intorno a una sedia con ammiccare dietrichiano ("My Alcoholic Friends").
Se, prossimi al giro di boa, i toni si addolciscono nel pathos pulsante frammenti di cuore à-la Tori Amos ("First Orgasm" e "Mrs. O"), sul finale si torna all'ironia sicura di sé, in un cantato ai limiti della sfacciataggine, dove il tempo è segnato dal ticchettio ruffiano di pianoforte e batteria in un teatrino off ("Mandy Goes To Med School").

La chiusura rivolta al mondo è, come racconta il video del singolo, un coinvolgente invito al cantare di sé, in ogni sua umana espressione, senza abbandonare la smorfia innocuamente grottesca che rimarca la stupefacente mimica facciale della pianista ("Sing").
L'indulgere all'emotività, che pervade tutto l'album, non toglie il senso del divertissement, capace di ricreare l'improbabile contrasto tra il color seppia di vecchie suggestioni mitteleuropee e il volto del post-moderno americano, così da lasciare che il sopracciglio continui liberamente a seguire il proprio disegno.

(20/04/2006)

  • Tracklist
  1. Sex Changes
  2. Backstabber
  3. Modern Moonlight
  4. My Alcoholic Friends
  5. Delilah
  6. Dirty Business
  7. First Orgasm
  8. Mrs. O
  9. Shores Of California
  10. Necessary Evil
  11. Mandy Goes To Med School
  12. Me & The Minibar
  13. Sing
Dresden Dolls su OndaRock
Dresden Dolls on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.