Lair Of The Minotaur

The Ultimate Destroyer

2006 (Southern Lord) | doom, stoner

Lontani dall’esperienza dei 7000 Dying Rats, Steven Rathbone e Donald James Barraca formano i Lair Of The Minotaur nel 2003, con l’obiettivo di avvicinare la mitologia greca tramite un incrocio bastardo di doom, stoner e thrash. Roba insana, insomma, ma tenuta a bada grazie a un talento tutt’altro che disprezzabile, sulla cui tenuta la band di Chigago costruisce maestose impalcature di watt, muscoli e ferocia. A cominciare da "Juggernaut Of Metal", la sensazione che, alla fine di questi quaranta minuti scarsi di musica le orecchie potrebbero anche sanguinarci, è davvero forte. Un sound che dire imponente è voler usare un eufemismo, facendo finta, tra le altre cose, che in questi primissimi minuti non vi sia anche lo zampino di certi Today Is The Day

La tensione, dapprima trattenuta e poi liberata in un ramalama incandescente, finisce in "Behead The Gorgon" per celebrare un matrimonio davvero perfido, in cui a convolare a nozze troviamo Slayer e Black Sabbath. Eccola, poi, la carneficina in-your-face della title track : thrash & speed che zigzagano indemoniati, se non fosse per quelle solite, potenti rasoiate al ralenti.
E’ certo che questi scalmanati hanno qualche buona ragione per essere in sintonia con l’apocalisse ("Horror"), e di certo la vischiosa tempesta di "Grisly Hound Of The Pit", che sembra velocizzare le temibili visioni doom degli Electric Wizard, non riesce a convincerci del contrario. Ci mancherebbe altro! D’altra parte, per certi brani come "Cannibal Massacre", alla fine basta il solo titolo a chiarirci le idee, tanto, poi, a verificarne l’impatto e la potenza, ci penseranno i vostri poveri impianti hi-fi. E se non ne avete uno decente, non venite a prendervela con me quando vi toccherà in sorte l’ombra dei Cannibal Corpse che s’allunga per qualche momento (ma forse giusto un attimo…) nello stoner incalzante di "Engorged With Unborn Gore".

Insomma, volendo sintetizzare, questi Lair Of The Minotaur (al secondo album, dopo il discreto "Carnage" del 2004) se la cavano più che bene. Così, consapevoli del fatto che in futuro potrebbero riservarci qualche sorpresa rilevante, ci gustiamo la conclusiva "The Hydra Coils Upon This Wicked Mountain" con ghigno soddisfatto, mentre l’epico trip compie il suo dovere.

(22/05/2006)

  • Tracklist
  1. Juggernaut of Metal
  2. Behead The Gorgon
  3. The Ultimate Destroyer
  4. Horror
  5. Grisly Hound of the Pit
  6. Cannibal Massacre
  7. Lord of Butchery
  8. Engorged with Unborn Gore
  9. The Hydra Coils Upon This Wicked Mountain
Lair Of The Minotaur on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.