Pumice

Yeahnahvienna

2006 (Soft Abuse) | lo-fi, songwriter

Ennesimo cantautore storto dalla Nuova Zelanda, one-man band del malessere psichedelico, Stefan Neville, in arte Pumice è forse il "novizio" (vabbè, in realtà è in giro dalla metà degli anni 90) più promettente di quella scuola senza uniforme e ore di lezione che fa capo al cosiddetto cantautorato lo-fi. I referenti più limitrofi anche in senso geografico stanno sicuramente nel songwriting lunare e deviato di barrettiani devoti come Alastair Galbraith e Antony "Pseudoarcana" Milton. Più indietro è difficile non rintracciare anche un retroterra idealmente comune con altri cantoni di quelle lande, quali Peter Jeffries, Chris Knox e persino Roy Montgomery per l’idea di psichedelia assolutamente desolata e out of time che pervade anche i dischi del nostro, in particolare gli episodi più wet del bellissimo "Raft" del 2004. In quell’album era possibile rintracciare finanche influenze shoegazer , che in questo "Yeahnahvienna" sono praticamente sparite. Il disco documenta con buona capacità di sintesi (e Neville è un "archivista" capace anche di ortodossie autolesioniste in questo senso) il periodo che il cantautore ha trascorso a Vienna nel 2004.

Questa volta il suono è mediamente più acustico del solito, esemplari le carezze folk dell’iniziale "Abominable" e i sapori da traditional brit-folk di "King Korny Remains", ma dopo questa quieta introduzione negli arpeggi di Pumice si fanno largo anche disturbi inquieti e rugginosità assortite. Cacofonie tenui e mantenute sapientemente in sordina (pur senza raggiungere le vette emotive di "Raft") che rappresentano un tratto saliente della musica del nostro, tra i cui numi tutelari ci sono certamente anche i mai dimenticati Supreme Dicks, il primo Smog, ma anche il disastro acustico masochista dei Sun City Girls e persino gli scalcinati Doo Rag negli episodi più garage (assenti però su "Yeahnahvienna").
Far convivere la delicatezza e l’intimismo del cantaurato da cameretta con l’incuria (spesso solo apparente) degli arrangiamenti è insomma l’orizzonte stilistico di Pumice. E dunque nella lunga messa fisarmonicista di "Teas Tasting Fair" le percussioni libere e caracollanti imbrattano la mestizia del canto e lo stesso fanno le corde sfibrate nelle varie reprise dello strumentale "Worsted".

Il disco è però in definitiva anche troppo misurato e contenuto nei risultati finali, vista la premessa programmatica di voler "sbracare le canzoni" senza fare troppo rumore e l’attenuazione degli elementi più coraggiosi, in fatto di rumorismo e tendenza alla decostruzione languida delle melodie, indebolisce un lavoro che ha dalla sua canzoni anche belle (una manciata) ma che da sole, tenute in piedi da poco più della voce rigorosamente sottotono di Neville e da una chitarrina incerta ma anche un po’ manierista, non riescono a svettare e a conquistare davvero.
Fortunatamente siamo ancora lontani dall’encefalogramma piatto, ma la via della normalizzazione proprio non fa per uno come Pumice.

(09/11/2006)

  • Tracklist
  1. Abominable
  2. King Korny Remains
  3. Worsted
  4. Wild Dogs
  5. Brawl
  6. Worsted
  7. Teas Tasting Fair
  8. Darkpark
  9. Worsted
  10. Worsted
Pumice su OndaRock
Recensioni

PUMICE

Puny

(2012 - Soft Abuse)
Nuove stranezze e un'inedita nostalgia nella maturità del genietto lo-fi

PUMICE

Quo

(2008 - Soft Abuse)
Lo sgangherato cantautore neozelandese con il suo disco più rock

PUMICE

Pebbles

(2007 - Soft Abuse)
Assordante psichedelia a bassa fedeltà dalla Nuova Zelanda

Pumice on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.