Arbouretum

Rites Of Uncovering

2007 (Thrill Jockey) | alt-rock

Nell’ascoltare “Rites Of Uncovering” la mente si perde in un flashback istantaneo che riesuma musiche di una quindicina d’anni addietro, quando all’onore delle cronache balzavano Sparklehorse, Hayden, il Mark Eitzel solista, ovvero quella schiatta di singolari personaggi che, nei ’90, diedero un chiaro imprinting al modo d’essere cantautore: umore iperdepresso, atteggiamento da eterno loser, e un approccio in larga parte centrato sul processo di scrittura, più che sulla ricerca sonora.

Non è passato molto tempo eppure sembra un secolo, fatto sta che Dave Heumann, già collaboratore di Bonnie Prince Billy, Anomoanon, Cass McCombs e Papa M, costruisce il progetto Arbouretum richiamando, in modo netto, suddette coordinate stilistiche. “Rites Of Uncovering” è un album di robusto cantautorato indie come se ne facevano allora, e non ce ne meravigliamo visto i contesti in cui il nostro ha prestato servizio. Il problema risiede semmai nella scarsa attitudine rielaborativa. Non una variazione, non un tentativo di andare oltre il già sentito, non una virgola fuori posto, per un risultato finale che si mostra fin troppo piatto e prevedibile, diciamolo subito. Cosa salva il disco? La scrittura (e la vena nostalgica del recensore), sicuramente nella media se non oltre, cosicché lo slowcore “Signposts And Instruments” ricorda le cose migliori di David Bazan, così come “Sleep of Shiloam”, interpretazione da suicidio e notevole solo blues rock, seppur ai limiti dell’autocompiacimento.

Picco assoluto è la zoppicante “Mohammed’s Hex And Beauty”, che nonostante sembri una specie di Will Ohldam meets un qualunque cantautore da telefilm per adolescenti, riesce bene nel suo proposito flagellatorio. Poi? Non molto altro da segnalare, se non il pasticcio “The Rise”, epigona mal riuscita delle jam hard psichedeliche Grateful Dead in versione alternative.

Il circolo affollato dei vinti si arricchisce di un nuovo perdente, ne avevamo proprio bisogno?

  • Tracklist
  1. Signposts and Instruments
  2. Tonight's A Jewel
  3. Pale Rider Blues
  4. Ghosts of Here and There
  5. Sleep of Shiloam
  6. Mohammed's Hex and Bounty
  7. The Rise
  8. Two Moons
Arbouretum su OndaRock
Recensioni

ARBOURETUM

Coming Out Of The Fog

(2013 - Thrill Jockey)
La band alternative rock di Baltimora pubblica il suo quinto album

ARBOURETUM

The Gathering

(2011 - Thrill Jockey)
Le trame hard psych-folk della compagine guidata da Dave Heumann

ARBOURETUM

Song Of The Pearl

(2009 - Thrill Jockey)

Sentieri selvaggi: la nuova frontiera folk-stoner della band di Baltimora

Arbouretum on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.