Findlay Brown

Separated By The Sea

2007 (Peacefrog) | folk

Il recensore è così ossessionato dall'idea di trovare il nuovo Nick Drake che lo vede ovunque: non c’è recensione senza citazioni del birmano, tutti i gruppi attuali sono figli di Drake, figuriamoci i cantautori, mi dispiace, ma tranne "Paper Man" per l’uso alla Robert Kirby dell’orchestra, non ci sono tracce di derivazioni dirette, anzi, il bravo Findlay denota più una devozione allo stile di Paul Simon, nonché ai primi cantautori americani non obbligatoriamente famosi.
Il brano che intitola l’album è infatti ispirato a Jackson C Frank, misconosciuto cantautore prodotto negli anni 60 da un giovane Paul Simon, nonché amico di Al Stewart, che suonò nel suo unico Lp del 1965.

Disco maturo e completo, "Separated By The Sea" è ricco di brani di rilievo; oltre alla ispirata title track, altre tre tacce emergono con personalità: "Losing The Will To Survive" è una trascinante ballad folk che si snoda come una giga irlandese, mentre "Down Among The Dead Men" è la classica canzone che passerà indenne la prova del tempo, semplice e avvolgente, arricchita da suoni moderni ben celati dalla produzione di Simon Lord (Simian), è il classico brano che tutti bramerebbero di scrivere; infine, c'è "Don’t You Know I Love You", dove il banjo di Rob Jesse si libra in alto su una folk-song che potrebbe essere uscita da un capolavoro inglese dei primi 70, con un finale strumentale di rara bellezza.

Il resto del disco si snoda tra ballate romantiche ispirate dall'amore per Marie Nielsen, come "Twin Green Pam", "But You Love Me", "Come Home", molto devote sia alla West Coast che ai songwriter inglesi; Findlay poi mette ordine tra i suoi amori musicali: più George Harrison che Bob Dylan in "I Will", più Paul Simon che Nick Drake in "Loneliness I Fear", più Band che Byrds in "Tonight Won’t Wait", sono poi gli ottimi arrangiamenti moderni e classici che denotano una personalità di indubbio spessore. Una personalità che rende questo ventisettenne inglese non più una promessa, ma una certezza.

(16/09/2007)

  • Tracklist

1. I Will (Ghost Ship)
2. But You Love Me
3. Down Among The Dead Men
4. Separated By The Sea
5. Loneliness I Fear
6. Come Home
7. Losing The Will to Survive
8. Paper Man
9. Tonight Won't Wait
10. Don't You Know I Love You
11. Twin Green Pram

Findlay Brown su OndaRock
Recensioni

FINDLAY BROWN

Slow Light

(2015 - Dead People's Choice)
Si tinge di minimalismo il folk-pop del musicista inglese

FINDLAY BROWN

Love Will Find You

(2010 - Verve Forecast)
Dalla confidenzialità degli esordi al fascino della musica di Roy Orbison e Phil Spector: ..

Findlay Brown on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.