Atlas Sound

Let The Blind Lead Those Who Can See But Cannot Feel

2008 (Kranky) | noise-pop, shoegaze

Chissà se c’era bisogno di questo nuovo progetto di Bradford Cox, mente dei Deerhunter. Fatto sta che con “Let The Blind Lead Those Who Can See But Cannot Feel”, il nostro uomo fa il suo esordio in solitaria per la Kranky, suonando tutto da solo, come un perfetto artigiano alle prese con un (noise-)pop romanticamente abulico, sospeso in un limbo di suoni eterei e distanti.

Da queste profondità scandagliate con perplessa, incerta maestria, giungono carillon intorpiditi da albe stupefatte (“Ready Set Glow”), elegie tramortite e poi lasciate andare alla deriva in un cosmo già di suo in apnea (“Recent Bedroom”), in mezzo a nubi di voci erranti tra variabili zone d’ombra lisergico-ambientali, quasi che il tutto, alla fine, assumesse i crismi di un calvario dolce e fintamente tenebroso (“On Guard”, “Winter Vacation”).

In fin dei conti, il disco suona un po’ come dei Deerhunter all’acqua di rose, senza troppi clamori: qualche volta in circolo minimalista (“Cold As Ice”), altrove con qualche disturbo elettronico, pulsare sommesso e fasce sintetiche avvolgenti giusto per marchiare a fuoco la scritta “Kranky” sul palmo della mano, facendo finta di esserci, di rispettare le regole (“Scraping Past”, “After Class”).

Le atmosfere sonnacchiose conciliano con il sonno e questo, a dirla tutta, potrebbe rappresentare un gran bel punto a favore di Cox. Ma c’è da dire che, almeno in qualche caso (vedi la scorza post-punk e il cuore interstellare di “Bite Marks”, i Jesus & Mary Chain alle prese con un western spaziale (?) di “Ativan” e il pur ovvio requiem finale della title track), il tutto suona in maniera tanto delicata quanto relativamente (molto relativamente) intrigante.

Ma, alla fine, arrivato l'oste e fatti i conti, avremmo anche potuto fare a meno di tutto questo…

 

(09/02/2008)

  • Tracklist
1. A Ghost Story
2. Recent Bedroom
3. River Card
4. Quarantined
5. On Guard
6. Winter Vacation
7. Cold As Ice
8. Scraping Past
9. Small Horror
10. Ready, Set, Glow
11. Bite Marks
12. After Class
13. Ativan
14. Let the Blind Lead Those Who Can See but Cannot Feel
Atlas Sound su OndaRock
Recensioni

ATLAS SOUND

Parallax

(2011 - 4AD)
Il ritorno di Bradford Cox, tra melodismo incantato e tonalità liquido-futuriste

ATLAS SOUND

Logos

(2009 - Kranky)
Il genio di Bradford Cox in un compendio ricchissimo di trasognati rimandi pop

Atlas Sound on web