Jessica Bailiff

Since Always

2008 (Distant Noise) | lo-fi drone-folk

Nella serie di dodici uscite mensili programmate per il 2008 dall’etichetta Distant Noise, dopo tanti validi artisti sotterranei, è la volta di un nome già noto e apprezzato su vasta scala.
Al solito fedele alla sua scarsa propensione all’apparire, Jessica Bailiff licenzia per la piccola label inglese, nelle abituali cento copie della serie, un brevissimo Ep di tredici minuti, che - se si eccettua l'Ep diviso con Annelies Monseré e la recente collaborazione con gli Au Revoir Borealis - rompe il silenzio biennale seguito agli accenni di transizione folk palesati nell’ultimo album “Feels Like Home”.

Nel volgere delle cinque tracce racchiuse in “Since Always” la musa della sognante psichedelia slow-core offre ampia quanto concisa rassegna dello spettro musicale attualmente di suo interesse, non solo enfatizzando le torsioni lo-fi di psichedelia casalinga degna dei Charalambides, ma lambendo istantanee ambientali e altresì ripercorrendo su più recenti e aggraziate derive acustiche. Tratto comune ai cinque brani è senza dubbio la lenta stratificazione dei suoni, il loro incedere incrementale, avviluppato nelle inafferrabili e sinistre iterazioni elettriche delle prime due tracce oppure solo parzialmente esplicitato in accenni acustici dal vago sapore folk e in ipotesi di canzoni non del tutto sviluppate ma già dense di fascino etereo (in particolare “Dear One”) e costellate da piccoli rumori e note chitarristiche sapientemente stillate.

Pur avendo tutti i crismi dell’opera minore, “Since Always” è da considerarsi senz’altro come un’ulteriore testimonianza della classe e versatilità di un’artista perfettamente a proprio agio nell’applicare la sua ovattata psichedelia tanto a sperimentalismi in bassa fedeltà quanto a più articolati frammenti melodici.

(13/12/2008)

  • Tracklist
  1. Euphoria (Crush v.3)
  2. In My Yellow Room
  3. Summer Demo
  4. Dear One
  5. With You Again
Jessica Bailiff su OndaRock
Recensioni

JESSICA BAILIFF

At The Down-Turned Jagged Rim Of The Sky

(2012 - Kranky)
Feedback e melodie pił esplicite in un ritorno atteso sei anni

Jessica Bailiff on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.