Beck

Modern Guilt

2008 (Universal) | pop

Si può affrontare l’ultimo disco di Beck senza considerare il suo monumentale passato? Si dovrebbe, ma è difficile. Allora ci rassegniamo al confronto e diciamo che in "Modern Guilt" manca quella hit immediatamente individuabile cui Beck ci aveva abituato e comunque non ci si discosta molto dalle ultime uscite del nostro. Tuttavia, il disco appare come un passo indietro.
Ormai il gioco è sempre quello: trovato il perfetto riassunto della sua lunghissima carriera con "The Information", in "Modern Guilt" Beck ripete la sua lezione da maestro senza però trovare il guizzo davvero sorprendente, mantenendo sempre ben nutrito il suo talento per il mix musicale post-tutto ma lasciando in ombra i veri bagliori di quel suo immenso tesoro.

L’iniziale "Orphans" spazia tra le solite uscite acustiche, sempre molto ben congegnate, e la prosecuzione delle atmosfere seventies del precedente album. La veloce "Gamma Ray" francamente non prende: un piacevole pop d’autore, ma niente di più.
Le sue sempre potenti intuizioni blues e funk emergono nella title track "Modern Guilt", certamente il brano più ballabile dell’album con delle belle frasi di chitarra e un pianoforte assassino a far da sottofondo.

"Youthless" sarebbe suonata perfetta proprio su "The Information", tanto che sembra presa di peso da lì. Perfetto contraltare della bonus-track finale "Inside-Out". Però c’è da chiedersi se sdraiarsi su schemi del lavoro precedente sia un pregio. Tutto sommato si comporta bene anche "Profanity Prayers", grazie a un discreto riff di chitarra nel ritornello che tiene su la struttura e a un bell’intervallo blues acustico.

Il resto dell’album non spicca, non trascina, non resta impresso. Purtroppo, verrebbe da dire. E allora cosa dobbiamo concludere? Che tanto "The Information" era una macchina perfetta rodata da quindici anni di carriera onoratissima, quanto "Modern Guilt" è piatto, fuori fuoco, confuso. Stavolta, il tiratore scelto Mr Beck Hansen ha fatto cilecca. 

(06/07/2008)

  • Tracklist
  1. Orphans
  2. Gamma Ray
  3. Chemtrails
  4. Modern Guilt
  5. Youthless
  6. Walls
  7. Replica
  8. Soul of A Man
  9. Profanity Prayers
  10. Volcano
Beck su OndaRock
Recensioni

BECK

Hyperspace

(2019 - Capitol)
Beck e Pharrell Williams confezionano un album minimale e soffuso, soffermandosi un po' troppo sull'estetica ..

BECK

Colors

(2017 - Capitol)
Un lampo di colore pop nel tredicesimo capitolo di Mr. Hansen, tra radiofonicità e conti col passato ..

BECK

Morning Phase

(2014 - Capitol)
Per l'atteso ritorno dopo sei anni, Beck ripercorre i sentieri del folk e della pace interiore

BECK

The Information

(2006 - Interscope)

BECK

Guerolito

(2006 - Interscope)

BECK

Guero

(2005 - Interscope/Universal)

BECK

Sea Change

(2002 - Geffen)

BECK

Mellow Gold

(1994 - Geffen)
Il capolavoro di Beck Hansen, tra rock, hip-hop e lo-fi

News
Live Report



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.