Demdike Stare

Symbiosis

2009 (Modern Love) | elettronica, dark-dub

Miles Whittaker e Sean Canty operano nei bassifondi di Manchester. Il primo, è tra i più raffinati produttori elettronici del Regno Unito; il secondo, è tra i più ossessionati vinyl collector in circolazione. Il qui presente “Symbiosis”, album d'esordio della loro paradossale fusione come Demdike Stare, racchiude undici cataclismi dub che segnano una piccola svolta nella gestione cavernosa dei bassi e nella sedimentazione delle rarefazioni strumentali, puntualmente tese a una progressiva ricerca esoterica.

Imbattersi in lavori come “Symbiosis”, è un po’ come aggirarsi in un locale dubstep di Londra vestiti di nero, con il rossetto sulle labbra e il fondotinta bianco. Spesso, si corre il rischio di esasperare un'estetica già di per sé tetra. L'andatura del disco è costantemente soppressa da una dilatazione ambient tanto austera, quanto appagante. E’ magia nera sbattuta sui piatti, o un semplice gioco di incastri dark e appiattimenti codardi, nei quali l’elemento destabilizzante assume sembianze oscene e soluzioni pressoché contrapposte. In tal senso, basta incrociare lo sguardo con “Haxan Dub” per intuire tale mistificazione. Nelle sue metamorfosi, il ritmo indotto dai plasticosi tintinnii è frequentemente disturbato da inserti bristoliani e cambi di direzione afro. Così come “All Allaws Eve” induce a una lenta levitazione, disperdendo sensi e tatto in una gazzarra di digressioni vorticose, sospinte in coda da ventate malefiche al synth.
In “Regressor”, il groove è affetto da paralisi multipla. Mentre in “Jannisary” e “Trapped Dervish”, sembra che i due abbiano saccheggiato lo spartito da qualche mercante marocchino girando nei più squallidi sobborghi di Marrakech.

Da contraltare alla liturgia, le avvisaglie house di “Haxan” scorrono in quattro quarti, più cassa dritta e tastierona a intermittenza. Una meraviglia. Sopra ogni cosa, “Nothing But The Night” cerca di smaterializzarsi in pulviscoli e dissonanze dub, illudendoci attraverso un'impercettibile opalescenza. Allo stesso modo, “Conjoined” punta a un tribalismo raffinato, colto. Nelle retrovie, “Ghostly Hardware” annusa bordelli noir, e vi resta senza mai liberare la sua energia, collassando in un mantello di droni e vellutazioni occulte.
Danzare in una cripta non è mai stato così eccitante.

(11/02/2010)

  • Tracklist
1. Suspicious Drone
2. Haxan Dub
3. Regressor
4. All Hallows Eve feat. Danny Norbary
5. Jannisary
6. Haxan
7. Extwistle Hall
8. Trapped Dervish
9. Nothing But The Night
10. Conjoined
11. Ghostly
Demdike Stare su OndaRock
Recensioni

DEMDIKE STARE

Wonderland

(2016 - Modern Love)
L'elettronica distopica e pulsante del duo di Manchester ha finalmente raggiunto il suo nirvana

DEMDIKE STARE

Testpressing001

(2013 - Modern Love)
Nuove collisioni brutali tra tribalismi siderurgici

DEMDIKE STARE

Elemental

(2012 - Modern Love)
Una realtÓ primitiva sorretta da simboli post-nucleari

DEMDIKE STARE

Tryptich

(2011 - Modern Love)
Le tre preziose uscite dei due producer inglesi raccolte in un trittico mozzafiato

News
Demdike Stare on web